Sergio Marchionne risponderà alle domande di giornalisti e analisti finanziari solo alla fine della giornata dedicata alla presentazione del nuovo piano industriale 2018-2022 di FCA: il suo intervento avverrà a borse chiuse, per evitare indesiderate ripercussioni sul titolo (che stamane viaggiava verso i massimi storici). Tuttavia, una prima risposta Marchionne l’ha già data col suo abbigliamento: stamane il manager italocanadese ha aperto i lavori di quello che sarà il suo ultimo business plan – secondo i programmi, dovrebbe lasciare la guida della compagnia entro fine anno – indossando una cravatta blu: è il segnale che il debito, quello industriale, di FCA è ormai prossimo all’azzeramento.

“Quello che ascolterete oggi è un piano solido e coraggioso”, ha detto l’amministratore delegato di Fca: “A livello di brand, vedrete che i nostri messaggi si concentrano su Jeep, Ram, Maserati e Alfa Romeo con un focus particolare sull’espansione di Jeep a livello globale e l’ampliamento della gamma di prodotti”. Marchionne ha poi sottolineato come “tutti i cambiamenti che si prospettano non rappresentano una minaccia. In Fca abbiamo imparato a vivere nell’incertezza e siamo pronti a ogni eventualità. L’idea che le tecnologie stanno ridisegnando il nostro ambiente competitivo e il nostro settore non ci fa arretrare”.

E questo ampliamento non poteva che partire dalla gamma del marchio Jeep, il più lanciato del gruppo italoamericano che entro il 2022 abbandonerà il diesel in Europa. Già quest’anno potrebbe sfiorare i 2 milioni di unità vendute, grazie anche all’accelerazione del mercato cinese, che da solo assorbe oltre il 17% della produzione. L’aspettativa per il futuro è quella di lanciare un nuovo modello ogni due anni: fra i più importanti ci sarà il nuovo suv di taglia urbana, che potrebbe essere prodotto in Italia.

Tuttavia anche l’alto di gamma sarà completamente aggiornato col pick-up su base Wrangler, le nuove Cherokee e Grand Cherokee (entrambe pure con opzione di 3 file di sedili) e con modelli di lusso come Wagoneer e Grand Wagoneer, attese per il 2020. Per tutte una cospicua dose di tecnologia, con sistemi di assistenza alla guida sempre più avanzati – la guida autonoma di livello 3 sarà di serie per tutti i modelli entro il 2021 – e l’elettrificazione: tutti i modelli avranno una versione ibrida plug-in entro il 2022, mentre nel prossimo quinquennio saranno quattro le Jeep con motore elettrico.

Ram, marchio dedicato a pick-up e veicoli commerciali, punta invece a vendere un milione di unità entro il 2022. Il responsabile del brand, Mike Manley, ha sottolineato come Ram sia “cresciuta costantemente dal 2011″, fino a raggiungere nel 2018 le vendite record di 770 mila unità. “Il brand Ram sta rimontando e sta arrivando”, ha detto Manley, annunciando quattro nuovi modelli, tra cui un ‘mid-size’ al momento assente nella gamma del marchio.

Maserati ha un target altrettanto ambizioso: vendere 100 mila vetture nel 2022, il doppio di quanto totalizzato lo scorso anno, con un margine operativo del 15%. Sono previsti sei nuovi lanci, come sottolineato da Tim Kuniskis, responsabile dei brand Maserati e Alfa Romeo. Confermato l’arrivo di un suv di medie dimensioni, che sarà anche ibrido: ma la vera notizia è che Maserati diventerà un marchio ad altissimo tasso di elettrificazione. Il primo modello a zero emissioni sarà la sportiva Alfieri, che sostituirà la Gran Turismo e sarà proposta anche con motori convenzionali e plug-in. Spazio anche per le nuove generazioni di Ghibli, Quattroporte e Levante, che abbandoneranno il diesel per sposare la causa dell’elettrificazione grazie a una nuova piattaforma costruttiva modulare in alluminio.

Dulcis in fundo Alfa Romeo: il Biscione aspira a vendere 400 mila auto a livello globale nel 2022, realizzando margini del 10%. Il suddetto target sarebbe dovuto essere originariamente centrato già quest’anno: tuttavia nel 2018 Alfa venderà solo 170 mila unità. La marca lancerà 7 nuovi modelli e per tutti è prevista una versione elettrica. In gamma figureranno un crossover più piccolo della Stelvio, uno più grande e due sportive che sostituiranno la 4C nell’alto di gamma. Via la piccola MiTo e confermata la nuova Giulietta. Giulia e Stelvio saranno proposte anche in versione a passo lungo per accontentare i clienti cinesi, mentre per tutta la gamma è previsto il progressivo abbandono del diesel in favore di soluzioni elettrificate (mild- hybrid, hybrid e plug-in).

Non mancherà la guida autonoma di livello 2 e 3, ma a far battere il cuore degli appassionati saranno, come detto, le nuove GTV e la 8C: la prima sarà un coupé derivato dalla Giulia proposto anche in versione Quadrifoglio con motore elettrificato e 600 Cv di potenza scaricati sulle quattro ruote motrici. Ancora più seducente la 8C, supercar a motore centrale con telaio in fibra di carbonio: sotto la scocca un V6 biturbo elettrificato abbinato a un motore elettrico installato sull’asse anteriore. Potenza di oltre 700 Cv e 0-100 da meno di 3 secondi.

Luce spenta, infine,  sui marchi Lancia, Fiat e Chrysler, non pervenuti alla presentazione: su di loro ne sapremo di più nel pomeriggio. Tuttavia, l’assenza di queste marche nell’ambito della presentazione internazionale del piano prodotto lascia presupporre per esse un futuro “regionale”.