“Impichment”. “Impicment”. Ma anche il favoloso “impingement“. Da che alcune forze politiche hanno chiesto la messa in stato d’accusa del presidente della Repubblica, cioè l’impeachment secondo l’articolo 90 della Costituzione, le ricerche su Google sono aumentate a dismisura. E non solo quelle della parola corretta ma anche quelle di parole simili. Spiega Luca Alagna su Twitter che a guardare Google trend si scopre come impicment e impichment sono balzate in alto nella lista delle parole più cercate. La cosa più strana riguarda, però, la ricerca della parola impingement. Una parola inglese esistente che però non c’entra un bel niente con la messa in stato d’accusa del Presidente della Repubblica e che indica invece una patologia muscolare. Certo, a ben guardare il numero di ricerche della parola corretta è molto più alto e Google, digitando “Impi” (quindi sbagliando), suggerisce proprio impingement. Fatto sta che queste parole sono cercatissime e i meme in rete si sprecano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Meghan Markle è incinta?

prev
Articolo Successivo

Fedez e Chiara Ferragni mostrano la nuova casa su Instagram

next