Mark ​Zuckerberg? Ha violato l’ingenuità degli utenti.
Ha riferito al Congresso, ha riferito a Bruxelles, ha chiesto scusa.

Del fatto che Facebook fosse gratis non s’è mai lamentato nessuno. Sì ma la privacy… ah bè… i dati, sì: è da quando abbiamo le mail “gratis” che le nostre parole sono filtrate (ecco perché le pubblicità di quello che navigavo in rete). All’utente, mica gliel’ha detto il dottore di usare Facebook (e un genitore di educare un figlio): è andato di fiducia.

Zuckerberg pagasse le tasse dove guadagna (non in qualche paradiso). Facesse come fa responsabilmente l’Italia con le sigarette: provoca il cancro, uomo avvisato… Mark facesse lampeggiare un bannerino: “reale è meglio”. Potrebbe fare come fa l’Italia con le ludopatie, che prima ti vizia al gioco poi ti avverte che sei un ludopatico (però te l’ha detto). Non potendo rinunciare a quel che guadagna con fumo alcol e ludopatie, lo Stato si assolve avvertendoti.

Quindi lo facesse anche l’Italia di riferire agli italiani. O era Zuckerberg? O eravamo noi? O era… Mi manca la vita reale!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Giuseppe Conte puntuale o pasticcione? Così su Facebook alcuni allievi parlavano del loro prof

next
Articolo Successivo

Diversity media awards 2018: tv, stampa e web contro le discriminazioni. Segui la diretta della serata evento

next