“La riforma dell’ordinamento penale è stata ferma un anno perché c’era la campagna per il referendum costituzionale”.  Lo ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando intervenendo all’Assemblea nazionale del Pd. “La fiducia è stata posta dopo uno scontro durissimo nel Pd. Dentro al governo sono solo io a sottolineare l’esigenza dell’approvazione della riforma dell’ ordinamento penitenziario. Ora l’ho detto”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, Giachetti: “Basta con la finta unità, non dobbiamo avere problemi a contarci. Fissiamo la data delle primarie”

prev
Articolo Successivo

Pd, la delegata sbotta sul palco: “Parlate di ‘periferia’, ma chi vi ha mai visto? Me ne vado, al congresso non mi chiamate”

next