Il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, a Otto e Mezzo (La7) si sofferma sull’accordo di governo tra M5s e Lega e sul via libera di Berlusconi. E puntualizza: “Siamo davanti a un ossimoro. E’ evidente che c’è qualcosa che non ci viene detto. Per quale motivo Berlusconi per due mesi ha sparato a palle incatenate contro un’alleanza tra Salvini e M5s e adesso improvvisamente dà il via libera al governo, lasciando intatto il centrodestra e il suo leader Salvini che va in direzione opposta alla sua? Che cosa è cambiato? Berlusconi ha solo paura delle elezioni anticipate a luglio oppure qualcuno gli ha dato delle garanzie?”. E aggiunge: “E’ questa l’ambiguità, il non detto, su cui nasce questo governo. Salvini in questo accordo rappresenta la Lega o tutto il centrodestra? In quest’ultimo caso, come fa a far passare una serie innumerevole di leggi che stanno nel programma del M5S e che Berlusconi vede come i vampiri vedono l’aglio? Fin quando non spiegheranno questa ambiguità noi dovremo pensare che Berlusconi non è fuori, ma è nascosto sotto la felpa di Salvini”. Il direttore del Fatto spiega: “E’ impensabile che un governo condizionato da Berlusconi possa fare delle leggi contro la mafia, l’evasione fiscale, la corruzione, il conflitto di interessi. Vedremo se Berlusconi è veramente fuori o veramente dentro soltanto quando sapremo il nome del premier, quello dei ministri e il contratto di governo. Se evaporano quei 10 punti che abbiamo pubblicato sul Fatto, è evidente che non ce la stanno raccontando giusta. Con questo governo, comunque, rischiano soprattutto gli italiani e i 5 Stelle”