“Segretario del Partito comunista“. “Presidente della Repubblica”. Per tanti altri semplicemente “uno sconosciuto”. Più della metà degli studenti italiani non sa chi sia Aldo Moro. È questo il risultato di un sondaggio fatto da Skuola.net su oltre 11mila allievi delle scuole medie e superiori italiane. Ma non è tutto. Soltanto il 40 per cento di loro conosce Peppino Impastato, il giornalista e attivista politico ucciso dalla mafia a Cinisi lo stesso giorno del leader della Democrazia cristiana. Per gli altri Impastato era “un imprenditore”, uno su dieci ha risposto “un sacerdote”. Mentre il 29 per cento degli intervistati non lo ha mai sentito nominare.

I dati, diffusi in occasione dei quarant’anni dalla morte di Moro e Impastato, testimoniano che le nuove generazioni stanno dimenticando la storia d’Italia. E la colpa, sostiene Skuola.net, è in parte del sistema scolastico: soltanto uno studente su tre ha conosciuto in classe le due figure. Per quanto riguarda la memoria dello statista della Dc, è fondamentale il ruolo dei genitori (il 20 percento ne ha sentito parlare in famiglia). Il giornalista siciliano, invece, sulla cui morte rimangono ancora molti interrogativi irrisolti, è diventato un esempio di ribellione alla mafia grazie al cinema e alla televisione.

Anche la data del 9 maggio 1978 è poco conosciuta fra i banchi delle scuole italiane. Alla domanda su cosa sia accaduto quel giorno, meno della metà degli studenti risponde “l’uccisione di Aldo Moro” e appena uno su tre sa che è morto anche Peppino Impastato. C’è poi chi “abbocca” alle false alternative proposte dal quiz, come la strage di Ustica (11 percento) o il disastro del Vajont (6 percento). E non sono pochi – quasi uno su tre – gli allievi che confondono il ritrovamento del corpo di Moro con l’attentato a Giovanni Falcone. Trascurando che il giudice antimafia non è stato ucciso nel 1978, ma quasi 15 anni dopo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Invalsi, test al via per le primarie e le superiori: polemiche dei genitori e proteste degli studenti

prev
Articolo Successivo

Test invalsi, polemiche per la domanda agli alunni delle primarie: “Da grande avrai soldi e un buon lavoro?”

next