La trattativa c’è ed è in corso tra Comune di Milano, prefettura e famiglia Cabassi. Nell’aprile del 2015 ci aveva provato Giuliano Pisapia, ma la maggioranza di centrosinistra a Palazzo Marino si era spaccata e la delibera per regolarizzare il Leoncavallo, lo storico centro sociale di Milano in via Watteau dal 1994, era stata stracciata. Ora è il turno dell’amministrazione guidata da Giuseppe Sala, regista, insieme al prefetto, dell’operazione che potrebbe allontanare una volta per tutte il Leonka dal pericolo di uno sgombero. “Il tempo delle polemiche è finito – ha detto il sindaco di Milano – quella del Leoncavallo è una situazione che va accettata”. Una delle idee sul tavolo, da quanto si è appreso, è che venga proposto uno scambio di volumetrie ai proprietari dell’ex cartiera, cioè ai Cabassi. Il tutto dovrà passare dall’approvazione in Consiglio comunale e, a quel punto, lo stabile diventerà di proprietà del Comune. “L’immobile verrà riassegnato attraverso un bando di gara” ha spiegato il sindaco. Dal Leoncavallo c’è la speranza che sia la volta buona: “Aspettiamo questo momento da vent’anni – ha detto uno dei volontari, Paolo Volpato – portiamo avanti le nostre attività con l’autofinanziamento ma sopra di noi pende sempre la spada di Damocle dello sfratto. Il nostro è diventato un servizio alla città”. Il centrodestra, però, promette già battaglia: in Municipio 2 è prevista una commissione per dire no alla regolarizzazione del Leoncavallo. Nel 2015 Riccardo De Corato, oggi assessore alla Sicurezza in Regione Lombardia, aveva visitato lo stabile di via Watteau. “È fuori legge” aveva dichiarato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, autobus della linea 63 prende fuoco ed esplode in via del Tritone. Il video

prev
Articolo Successivo

Roma, esplode bus Atac in via del Tritone: ferita una ragazza. Un altro va in fiamme in periferia. Pd annuncia interrogazione al governo

next