Il Riesame ha scarcerato alcuni presunti boss perché nell’ordinanza del gip c’erano ampie parti copiate dalla richiesta d’arresto dei pm. I quali però non ci stanno e chiedono alla Cassazione di annullare quelle scarcerazioni. Il motivo è sempre lo stesso: lunghe parti della motivazione erano uguali tra loro. A Palermo è guerra di copia e incolla tra la procura e il tribunale.  Un botta e risposta finito al centro dell’interesse della procura generale della Cassazione, che ha chiesto chiarimenti sul caso alla procura generale del capoluogo siciliano.

A raccontare la vicenda è il quotidiano online livesicilia.it. Alcune settimane fa il Riesame ha infatti annullato 28 dei 63 arresti eseguiti contro i clan mafiosi di Agrigento e provincia. Secondo i giudici Giuliano Castiglia, Lorenzo Iannelli ed Emilio Alparone la motivazione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari Filippo Serio era carente. E in certi casi il gip si sarebbe limitato a ripetere lunghi paragrafi contenuti nella richiesta d’arresto della procura di Palermo.

Il procuratore aggiunto Paolo Guido e il pm Claudio Camilleri, Calogero Ferrara e Alessia Sinatra, però, fanno ricorso in Cassazione contro la liberazione di quelli che considera “pericolosi uomini di Cosa nostra“. E secondo i pubblici ministeri anche il Riesame avrebbe copiato e incollato le stesse frasi per motivare la scarcerazione di Vincenzo Cipolla e Angelo Di Giovanni. Per l’accusa sono affiliati ai clan di Favara e San Biagio Platani, ma sono stati liberati dopo il ricorso degli avvocati Giuseppe Barba e Giovanni Castronovo.

“Paradossalmente, quella stessa tecnica motivazionale che il Tribunale imputa al Gip come viziata lo stesso organo giudicante la segue pedissequamente, tant’è che le ordinanze, chiunque sia il relatore o il collegio, sono redatte sostanzialmente in fotocopia”, scrivono i pm nel ricorso. Al quale allegano i passaggi contestati: i giudici motivano la scarcerazione di Di Giovanni utilizzando le stesse frasi – e persino il nome – dell’altro indagato Cipolla.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gela, blitz contro il clan Rinzivillo: 10 arresti per associazione a delinquere

prev
Articolo Successivo

Dell’Utri, la Cassazione: “La Sorveglianza tenga conto dell’aggravamento delle sue condizioni sanitarie”

next