“Il CONO è un raggruppamento spontaneo di cittadini torinesi che hanno sentito la necessità di mettersi assieme per rendere manifesto il dissenso contro l’ipotesi di riavere le Olimpiadi invernali nel 2026”. Così Claudio Decastelli portavoce del Coordinamento cittadino contro le Olimpiadi, commenta la prima riunione mentre, un altro portavoce, Andrea Guazzotto, aggiunge:”Ci sono degli sprechi evidenti in città nonché una serie di contratti stipulati durante il periodo delle passate Olimpiadi del 2006 che vincolano la città con debiti fino al 2040. E Maurizio Pagliassotti, altro esponente del CONO, rilancia: “A torino abbiamo famiglie che vivono in tenda, a 12 anni dalle passate Olimpiadi: non vogliamo che si verifichino ulteriori sperperi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, da neoeletto dico: tornare a votare sarebbe il male minore

next
Articolo Successivo

Di Maio: “Ok a premier terzo da scegliere con Lega. Ma con impegno su reddito cittadinanza, Fornero e anticorruzione”

next