“Il CONO è un raggruppamento spontaneo di cittadini torinesi che hanno sentito la necessità di mettersi assieme per rendere manifesto il dissenso contro l’ipotesi di riavere le Olimpiadi invernali nel 2026”. Così Claudio Decastelli portavoce del Coordinamento cittadino contro le Olimpiadi, commenta la prima riunione mentre, un altro portavoce, Andrea Guazzotto, aggiunge:”Ci sono degli sprechi evidenti in città nonché una serie di contratti stipulati durante il periodo delle passate Olimpiadi del 2006 che vincolano la città con debiti fino al 2040. E Maurizio Pagliassotti, altro esponente del CONO, rilancia: “A torino abbiamo famiglie che vivono in tenda, a 12 anni dalle passate Olimpiadi: non vogliamo che si verifichino ulteriori sperperi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, da neoeletto dico: tornare a votare sarebbe il male minore

prev
Articolo Successivo

Di Maio: “Ok a premier terzo da scegliere con Lega. Ma con impegno su reddito cittadinanza, Fornero e anticorruzione”

next