MANUEL di Dario Albertini. Con Andrea Lattanzi, Francesca Antonelli, Renato Scarpa. Italia 2017. Durata 98’. Voto 4/5 (DT)

“Adesso tu esci e trova la tua strada”. Manuel è diventato maggiorenne. Dopo molti anni sta per uscire da un istituto minorile per chi non ha sostegno familiare. Faccia spigolosa e asimmetrica, capelli rasati a metà cranio, Manuel è un tipo giusto, un tipo buono e tollerante. Sua madre, inoltre, potrà uscire dal carcere proprio grazie alla nuova situazione del figlio in procinto di iniziare un lavoro regolare. Incontri e prime esperienze di vita si susseguono in una manciata di giorni, poi il mondo attorno al ragazzo lo soffoca fino a non farlo respirare. Long take mai leziosi e adagiati l’uno sull’altro per un coming-of-age atipico e sottoproletario, ambientato tra la marginalità di sobborghi romani verso il litorale. Manuel (il film) ha l’aspra dolcezza di un’improvvisa accelerata verso l’età adulta come in un’opera di Truffaut (evocato a livello testuale e con un impellente primo piano finale), e l’invadente anche se mai sgradevole durezza della fatica per rimanere a galla quando la società attorno sembra avere un altro passo. Poetico l’incontro con la volontaria/attrice, magico quello con la prostituta di una notte, terribili e dolorosissimi gli interminabili attimi passati con la madre. Albertini sceneggia, dirige e scrive anche le musiche del film. Produce la Bibi di Angelo Barbagallo. Lattanzi è una faccia che rimarrà impressa a lungo.

Film in uscita al cinema, cosa vedere e cosa no nel weekend del 5 e 6 maggio

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Suspiria, Guadagnino omaggia Dario Argento. In Usa tutti pazzi per uno “degli horror più impressionanti mai visti”

prev
Articolo Successivo

Ayahuasca, il film che racconta l’incontro con “infuso psichedelico a base di diverse piante amazzoniche”

next