“Mio figlio Carlos Maria non sta bene, ha bisogno di sua madre. Da quando ci hanno separati, sono passati ormai tre anni, Carlos ha chiuso con l’affetto, si è dissociato dalle emozioni perché non vuole soffrire più. Il distacco da me è stato il più grande dolore della sua vita. E anche della mia”. Con queste parole, Nina Moric racconta al settimanale Chi il difficile periodo che sta passando a causa del mancato affidamento del figlio Carlos.

L’atrocità di quello che mi stanno facendo non ha limiti – continua la Moric  – e io non smetterò mai di combattere per mio figlio perché sono sua madre e lo amo più della mia vita, voglio solo che torni a casa sua. Questo massacro deve finire, c’è un bambino che soffre per colpa di un sistema che ha fatto i calcoli sbagliati. Non porto rancore verso Gabriella Corona, ma come fa una madre a fare la guerra a un’altra madre? Se fosse stato vivo il padre di Fabrizio, Vittorio Corona, si sarebbe vergognato di quello che mi stanno facendo, lui era un grande uomo. Persino Fabrizio ha detto: ‘Lasciate Carlos a Nina, è una buona madre’. Mi conosce e ritiene che nostro figlio debba tornare da me”.

La Moric sta vivendo un momento complesso anche per via della partecipazione di quello che ormai è il suo ex fidanzato, Luigi Favoloso, al Grande Fratello: “Se dici d’amare una donna non la lasci sola in un momento come questo, ma esiste il libero arbitrio – spiega Nina al settimanale diretto da Signorini – Non andrò in tv per nessuna cifra, questa volta mi tiro fuori. Favoloso ha scelto di fare il GF anziché stare di fianco a me, non avevo bisogno di una persona che sceglie il GF in luogo della sofferenza”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massimo Boldi e la “soap” con la ex fidanzata. Lui: “Lei con un altro, stavo troppo male”. Lei: “Il nostro legame è finito nel 2015”

next
Articolo Successivo

Taj Mahal, è allarme per il colore del marmo: la Corte suprema scrive al governo

next