La quinta puntata di Amici 17, come prevedibile, si è contraddistinta dallo scontro tra le due prime donne della commissione esterna, Heather Parisi e Simona Ventura. Dopo le frecciatine lanciate via social durante la settimana appena terminata, l’appuntamento con il talent show del sabato sera di Canale 5 si è aperto con un insostenibile dibattito durato mezz’ora abbondante sul cantante Biondo e sulla questione “auto-tune sì, auto-tune no”. Un processo evitabile e sostanzialmente inutile ai fini del talent, apprezzabile solo dai cultori delle polemichette sterili e utili ai fini del dio Auditel. “Tutto questo casino con Biondo si è creato per colpa tua. Heather posa il fiasco”, ha detto l’ex conduttrice de L’Isola dei Famosi riferendosi alla showgirl di Cicale, prima di uscire dallo studio per qualche secondo con il tormentone “No Maria io esco”. “Parliamo dei concorrenti, sono loro i protagonisti”, ha cercato invece di glissare Heather. Ma l’auto-tune gate è stato approfondito anche con il parere di Fedez, il giudice di X Factor (il talent concorrente), collegato da Los Angeles per dispensare opinioni: lui è a favore. “L’auto-tune è una cifra stilistica, non un trucchetto”.

“Si è parlato troppo poco di auto-tune stasera”, ha sottolineato, sorniona, Geppi Gucciari poco dopo. Solo alle 21.50 abbondanti inizia la gara in una puntata (auto-tune a parte) che rischiava di essere più piatta rispetto alle precedenti. Pochi i momenti da ricordare. E Biondo, ormai diventato il protagonista assoluto di questo serale, ha continuato a utilizzare il benedetto correttore vocale nelle sue performance. Alla fine è la squadra bianca a vincere la fase fondamentale e il giovane Irama, quello che un anno fa vinse il Coca-Cola Summer Festival e partecipò a Sanremo, vince la puntata. Einer viene messo a rischio eliminazione in un teatrino durato un quarto d’ora, ma alla fine viene salvato. Anche questa settimana, alla fine dei conti, nessun concorrente viene eliminato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crozza-De Luca e l’accordo tra M5s e Pd: “Disponibile solo se si inginocchiano, io gli salgo sopra e poi mi chiedono scusa”

next
Articolo Successivo

Ballando con le stelle, Carolyn Smith: “Sono stata male durante la puntata, Paolo Belli mi ha salvato”

next