Il benessere dei propri dipendenti è fondamentale per un’azienda. E può essere ottenuto in molti – davvero molti – modi. Lo sa bene Giacomo Arcaro, fondatore di una startup riminese nel settore della comunicazione, che ha deciso di aggiungere ai benefit per i suoi 30 collaboratori tisane e biscotti alla marijuana e profumatori d’ambiente ricavati dalla cannabis con principio attivo legale.

“Siamo una squadra interamente formata da giovani, l’età media qui a Black marketing guru è sotto i trent’anni”, ha dichiarato Arcaro al Resto del Carlino. La sua società si occupa di management e web marketing e ha sede sulle colline di Rimini, in una chiesa sconsacrata. “L’azienda in poco tempo è cresciuta tantissimo: abbiamo lavorato e lavoriamo con marchi internazionali – racconta – Nel giro di due anni siamo già arrivati a 30 dipendenti”.

Una crescita che ha aumentato la pressione sui risultati della società e, quindi, anche lo stress. “Per questo abbiamo deciso di rendere il nostro ambiente ancora più rilassante, mettendo a disposizione vari prodotti derivati della cannabis legale che si trovano oggi facilmente in commercio in tanti negozi”, ha aggiunto Arcaro. Tutto a carico dell’azienda. Ma non finisce qui. Ai dipendenti viene dato anche un pass che permette di accedere gratuitamente nelle discoteche della Riviera: “È molto apprezzato, visto che tanti di loro hanno poco più di vent’anni”.

La novità, come riporta il Resto del Carlino, è stata molto accolta con entusiasmo dai collaboratori di Black marketing guru. Ma l’obiettivo, ribadisce il fondatore, è esclusivamente il loro benessere: “Non usiamo le tisane o alti prodotti derivati della cannabis legale per sballarci. Anzi: è vero il contrario: la nostra azienda è convinta che possano garantire il relax dei dipendenti e permettano loro di lavorare meglio”. Per farlo non bisogna trascurare neanche l’ambiente di lavoro: nelle nicchie dell’ex chiesa dove ha sede la società ci sono i ritratti di Steve Jobs e Mark Zuckerberg. E ora nell’aria c’è anche il profumo di cannabis.

Foto tratta dal profilo Instagram di Black Marketing Guru

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Foggia, esplosione in una ditta di fuochi d’artificio a San Severo: feriti due operai

prev
Articolo Successivo

Bergoglio incontra le vittime della pedofilia della Chiesa in Cile. “Ho detto al Papa che il perdono non basta”

next