È durato meno di una settimana il viaggio di Jamel Methenni, il 33enne tunisino scappato da Bolzano domenica 22 aprile con i suoi due figli piccoli. L’uomo ha chiamato questa mattina la moglie Rosa Mezzina, che ne aveva denunciato la scomparsa, e le ha comunicato di essere arrivato in Tunisia. La donna ha anche ricevuto delle fotografie dei bambini, a conferma del fatto che stanno tutti bene. Dell’episodio si era occupata anche la trasmissione televisiva Chi l’ha visto.

I carabinieri di Bolzano, con il supporto della direzione centrale della polizia criminale di Roma Interpol, stanno facendo le verifiche del caso. Al momento non è ancora chiaro come l’uomo sia riuscito a raggiungere il suo Paese d’origine, dato che quando è scappato di casa non ha portato con sé i documenti dei bambini. Come ha raccontato la moglie agli inquirenti, al momento della fuga mancavano da casa soltanto dei vestiti e una valigia.

I motivi del gesto sono ancora ignoti. Methenni si è messo in viaggio con i due figli a bordo di un Ducato bianco senza dire nulla alla donna. Durante il tragitto verso il sud Italia aveva anche spento il cellulare e si era reso irrintracciabile. Mezzina è ora in contatto con il ministero degli Esteri e viene seguita dall’avvocato Nicodemo Gentile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bergoglio incontra le vittime della pedofilia della Chiesa in Cile. “Ho detto al Papa che il perdono non basta”

prev
Articolo Successivo

Venezia, al via i tornelli contro l’eccesso di turisti: varchi alla stazione di Santa Lucia e al ponte di Calatrava

next