Milano e Roma, due città in eterna competizione. A ‘The Match‘, stasera, 20 aprile alle 23.30 su Nove, il milanese di adozione Alessandro Sallusti, direttore de Il Giornale, e l’archistar Massimiliano Fuksas, romano, discutono sul primato fra le due città. “La vera Capitale d’Italia qual è, ancora Roma o Milano?”, chiede il giornalista Andrea Scanzi. “Purtroppo ancora Roma – risponde Sallusti – perché dove c’è il re c’è la corte e il marcio sta nella corte. La forza di Milano è di non aver mai avuto il re”. Per la Capitale, il numero uno del quotidiano di via Negri auspica una cura da cavallo: “Roma ha bisogno di un dittatore, come il Papa Re, perché i romani sono ingestibili”. Fuksas dà le misure della città eterna: “Roma ha quattro milioni di abitanti e Milano ha avuto un grosso problema, Tangentopoli”. “Milano non è meno corrotta di Roma – ribatte il direttore de Il Giornale -, ma più efficiente”. Fuksas ammette il ‘disastro Capitale’: “Devo dire la verità, Roma è sempre stata mal messa. Gran parte dei romani, per vivere, stavano all’osteria. Non abbiamo una classe dirigente e non la vogliamo fabbricare per nessun motivo”. Scanzi chiede a Sallusti un parere sull’opera dell’archistar: “Che idea ti sei fatto de La Nuvola di Fuksas?”. “Che se l’avesse fatta a Milano avrebbe impiegato due anni”, chiosa Sallusti, che domanda all’architetto: “A proposito, quanti anni ci avete messo?”. “Il concorso è stato bandito da Rutelli nel ’98 – ammette -. Una gara l’ha vinta un signore che poi è scomparso, un’impresa del Sud. Se ne andato via con 5 milioni di euro”.

La settimana scorsa “The Match” (cinque episodi da 30 minuti) ha visto scontrarsi sul tema della legittima difesa tra il filosofo Diego Fusaro e lo psichiatra Alessandro Meluzzi. La puntata di stasera, che fa parte di una serie originale prodotta da Loft Produzioni per Discovery Italia, sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Confessione, Platinette: “Corona è diabolico e dominava su Mora. Sono stata l’unica a difendere Lele”

prev
Articolo Successivo

Balle spaziali, Marco Travaglio smonta tre fake news e spiega perché non serve a nulla tornare al voto

next