Sto venendo ricattata per cose che riguardano la mia intimità e la vita privata”.  Con un video pubblicato sul proprio canale YouTube, Greta Menchi è uscita allo scoperto parlando della fine della relazione con l’ex compagno Zoda. Tra singhiozzi e lacrime, la celebre blogger si è sfogata davanti alla camera. In soli tre giorni il video ha ottenuto più di un milione di visualizzazioni. Menchi, 22enne con un passato anche a Sanremo come membra della giuria di qualità, ha accusato l’ex compagno di ricattarla. «Una mia amica mi ha girato gli screen dei messaggi che si sono scambiati il mio ex con una 14enne su Instagram – racconta la blogger -. In queste conversazioni lui scrive che gli bastano due o tre messaggi per rovinarmi la vita. Io però non ho paura. Dite sempre la verità anche se vi trema la voce. Non ho paura di una mia foto in cui si vedono le tette. Sai che c’è pubblicala. Io non ho paura”.

La fine della relazione assume i contorni di una soap-opera sudamericana. Non si fa attendere infatti la risposta dell’ex compagno Zoda, noto gamer, che sempre su Youtube ribalta la versione della Menchi. “Non sei mai stata ricattata, sono incredulo da quello che dici. Non avrei mostrato le foto che dici tu, non sono lo stronzo che vuoi dipingere”. Insomma un botta e risposta che diventa virale generando liste infinite di commenti. Sono ancora incerti i motivi che hanno portato alla fine della relazione. “Abbiamo vissuto la magia e abbiamo perso il controllo. Mi hai visto pesare 40kg senza nessun appiglio di felicità. Abbiamo unito le nostre vite. Alla fine però stavamo facendo le cose sbagliate” racconta la blogger.

Dopo sette mesi di assenza su Youtube i fan sono rimasti spiazzati da questo video spuntato all’improvviso. Nella descrizione si legge: “Chi di voi mi dà della pazza, della drogata, di quella che non ci sta con la testa in questo video penserà di trovarne la conferma. Solo per una volta vi chiedo di ascoltare quello che dico e non come lo dico, perché sfido chiunque a essere calmo e razionale nel raccontare certe cose. Queste cose andavano raccontate, perché nel bene e nel male negli ultimi 4 anni siete stati testimoni della mia vita. Mi sono sempre esposta, e so che questo vi ha autorizzati a giudicarmi. Ricordatevi che sono una persona vera e non un idolo. Gli idoli sono perfetti e intoccabili, io no. Io sono una ragazza vera e come tale commetto degli errori. Questi errori però non devono distruggere la mia vita a 22 anni”.

Non era meglio affrontare questa situazione privatamente? E se fosse solo una mossa per attirarsi attenzioni e visibilità? Sono queste le domande dei più maliziosi che circolano in rete. Come ogni buona soap opera che si rispetti bisognerà attendere altre “puntate” per capire come si evolverà definitivamente questa situazione.