“L’attuale governo è impegnato, nessuno ha staccato la spina. Ma certamente serve una soluzione politica in tempi rapidi che dia certezza del ruolo dell’Italia“. La “spinta” arriva dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che risponde così, durante una visita ufficiale in Romania, a una domanda sullo stallo del governo, nel giorno in cui si incontrano la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron. “L’Italia non può permettersi di restare fuori della dinamica che disegna il futuro dell’Ue e l’Ue non si può permettere di affrontare il dibattito senza l’Italia”. E infatti l’accelerazione che il capo dello Stato Sergio Mattarella ha impresso alle trattative improduttive dei partiti in Parlamento ha un orizzonte preciso: il Consiglio Europeo del 28 e del 29 giugno che avvierà il confronto sulla riforma dell’Unione Europea.

Gentiloni, al termine dell’incontro con il presidente della Repubblica romeno Klaus Werner Iohannis, spiega tra l’altro che serve “certezza del ruolo che l’Italia non può che svolgere in dimensione europea e svolgerà insieme a Paesi che hanno visioni comuni come la Romania“. “Stiamo discutendo in queste settimane, come sull’Iran, sul partenariato di Albania e Macedonia – prosegue il capo del governo – Lavoriamo sui dossier migratori per arrivare a un punto di equilibrio in cui responsabilità e solidarietà possano stare insieme. Lavoriamo sulle questioni economiche e finanziarie. Dobbiamo affrontare con molto buonsenso tutto il discorso sull’unione bancaria, il debito e le prospettive di funzionamento dell’unione monetaria“.

Tra le altre cose il presidente del Consiglio ha ricordato che “dentro il cammino unitario c’è anche lo sforzo sul fenomeno migratorio che deve essere una delle grandi priorità dell’Europa: non è un fenomeno transitorio e dobbiamo impegnarci perché non sia fattore di paura ma un fattore controllato di sviluppo per le nostre economie. Responsabilità e solidarietà devono stare insieme”.

Un tema che unisce i destini di Italia e Romania è certamente la lotta alla corruzione. Gentiloni riflette che “sulla base dell’esperienza anche del mio Paese, so che bisogna molto lavorare sui temi del contrasto alla corruzione, dello Stato di diritto: sono i fondamenti del nostro convivere in Europa e dobbiamo fare tutti uno sforzo per affrontarli nei nostri Paesi senza farne elementi di scontro”. L’Italia, ricorda il capo del governo, ha vissuto anni di scontro, la lezione è che sullo stato di diritto non si possono fare mediazioni e non si può vivere un conflitto interminabile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Bonino: “Non è priorità dei partiti. Dai vincitori poca umanità, ma dubito anche con intesa Pd-M5s”

prev
Articolo Successivo

Pd, Cirinnà: “M5s è come una bestia con tante teste, la smetta di mentire. Di Battista? Stia buono, non sarà mai sindaco di Roma”

next