Seduti l’uno accanto all’altro ci sono i “disobbedienti” e ci sono i diaconi, ci sono gli uomini di Chiesa e chi “la lotta la fa sporcandosi le mani, ma anche la fedina penale”. A Bologna, ieri sera 16 aprile, per la prima volta un arcivescovo ha varcato la soglia di un centro sociale in città. Monsignor Matteo Zuppi, il prete di strada che nel 2015 Papa Francesco  ha inviato in città, ha portato i discorsi di Bergoglio in quello che è forse il più “ribelle” dei centri sociali del capoluogo emiliano, finito più volte al centro delle indagini della Procura, il Tpo. Assemblea a microfono aperto, sacro e profano assieme per la presentazione di  “Terra, casa, lavoro”, il libro, edito da Il Manifesto, che riunisce tre discorsi di Papa Francesco con i movimenti popolari in giro per il mondo.

Ad accomunare noi e la Chiesa di Francesco è l’accoglienza senza se e senza ma per tutti”, spiega Domenico Mucignat, storico attivista del Tpo, che ha iniziato a tessere la trama del dialogo con Zuppi da tempo sulla questione dell’accoglienza migranti, “E poi il protagonismo diretto dei poveri, dei movimenti. Più volte Francesco li ha invitati a alzare la testa e prendersi quello che gli spetta, senza aspettare i grandi interventi delle ong e degli Stati”. “Se parlare qui fa notizia siamo messi male”, ha detto monsignor Zuppi riferendosi all’eco mediatica che la sua visita ha suscitato. “Il dialogo serve a costruire ponti, bisogna aggiornare le geografie, anche perché parlare non significa diventare uguali. Siamo liberi da qualunque strumentalità, per questo siamo qui”, continua prima di leggere e commentare alcuni passi del libro. Accanto a lui c’è Luciana Castellina, fondatrice del Manifesto. Si  parla di Marx e di Lenin, di Papa Giovanni XXIII e della tesi del nono congresso del Pci che volle inserire Togliatti, “una religiosità autenticamente vissuta può essere un grande contributo alla critica del capitalismo”. Sinistra e Chiesa tornano a parlarsi su terreni comuni, “la Chiesa sta esternando alcune sue ibridazioni con i movimenti sociali latinoamericani – dice uno dei partecipanti – per noi di sinistra è un incontro, non una delega alla Chiesa”. “Il fatto che il popolo dialoghi con chi ogni giorno, tra gli ultimi, pratica forme di illegalità, come la resistenza e le occupazioni, è interessante”, osserva Mucignat.  Le divergenze restano, ma le affinità ci sono: “Sull’accoglienza è più facile trovare un rapporto con un parte della Chiesa che con il ministro Minniti o quello che è stato il governo Gentiloni”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, chiesta libertà condizionata per Vallanzasca. L’equipe del carcere: “È profondamente cambiato”

next
Articolo Successivo

Parma, dipendenti in malattia (senza saperlo) e indennità non dovute. Sette arresti e trenta indagati per frode e truffa

next