EVM 01 è un documentario girato a Trieste, nei piccoli spazi dell’agenzia di sviluppo e stampa fotografica Luce, aperta nel 2000 da Mauro Zerial e Valentina Gariuolo. Per la
prima volta Mauro e Valentina hanno aperto le porte della loro camera oscura e, in qualche misura, della loro storia, raccontando il percorso professionale e umano che li ha portati, dopo anni di studi e sperimentazioni, a essere un riferimento nel campo dello sviluppo della diapositiva in bianco e nero e dello sviluppo della pellicola in genere.

Da sempre appassionato di fotografia e chimica, Mauro Zerial perde la vista in seguito a un incidente in motocicletta. L’incontro con Valentina arriva dopo. Lui le insegna le tecniche di sviluppo e stampa, a riconoscere le dominanti di colore, a far emergere i bianchi e neri. Insieme mettono a punto un particolare processo di sviluppo per le diapositive in bianco e nero, diventando degli sviluppatori eccellenti. E nel 2016 stringono un accordo con Rollei (azienda tedesca di materiale fotosensibile) per la commercializzazione di un kit di inversione per diapositive in bianco e nero sviluppato proprio dalla loro agenzia. Mauro non ha bisogno di vedere per riconoscere il carattere di una macchina fotografica: toccandola con le mani sa intuirne vizi e difetti. Valentina dosa formule chimiche, applicandole dentro e fuori dalla camera oscura. Si muovono insieme, sempre coordinati in uno spazio stretto: lavorano dove vivono o viceversa, perché nel loro caso il confine quasi non esiste.

Il documentario, di cui qui proponiamo un estratto, è il racconto di un piccolo successo che riflette il rapporto di due persone. Un equilibrio particolare, che muove i passi dai limiti delle circostanze in cui sono immersi per costruire una storia autentica, fatta di lentezza accurata, di ricerca continua della formula giusta, di rischio e pervicacia. È anche una risposta possibile alla domanda «la fotografia può cambiare la vita?».

EVM 01 è un documentario di LeleMarcojanni, con i suoni di Glauco Salvo. Sarà proiettato dal 13 al 15 aprile al festival di fotografia Riaperture di Ferrara

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival del giornalismo Oliviero Beha, a Cosenza per “ricordare che i buoni giornalisti servono”

prev
Articolo Successivo

La leggenda del pirata Henry Morgan e le acrobazie di Boris Vian

next