Il suo punto di forza sta nel troncare le parole. Lo fa con arroganza, con quella spocchia tipica dei giovani che vogliono distinguersi e provare ad affermarsi. Già perché Vittorio Crisafulli, in arte Quentin40, è uno degli artisti emergenti più interessanti della nuova scena rap italiana. Giovanissimo (classe 1995) cresciuto ad Acilia, borgata romana, rispetto ai suoi coetanei ha qualcosa di diverso, di originale.

Diciamolo subito: in un periodo in cui i rapper sfondano a colpi di streaming Spotify e collezionano come figurine dischi d’oro e di platino, emergere non è facile. Avere una propria credibilità e ritagliarsi il proprio spazio è difficile proprio perché si rischia di venire risucchiati in questo vortice. La maggior parte dei nuovi artisti sono la fotocopia dei vari Ghali, Sfera, Rkomi e così via.

Quentin40 però ha seguito un percorso diverso. Non si è omologato alla massa e ha sperimentato il suo stile. La sua forza? Rappare spezzando le parole. Una novità che ha sorpreso gli ascoltatori. Nell’ultimo anno pezzi come Bomber Ve e Luna Pie l’hanno fatto conoscere al grande pubblico fino al successo con Thoiry, il remix girato in Piazza Duomo assieme ad Achille Lauro e Gemitaiz che ha oltre 3 milioni di visualizzazioni su YouTube. Settimana scorsa il rapper romano ha pubblicato Giovane1, brano che segna un’ulteriore crescita artistica. Una proposta interessante che merita di essere seguita e ascoltata. Il paragone con i migliori è un azzardo e in questo momento avrebbe poco senso; che il ragazzo abbia talento è fuori dubbio. La strada per l’affermazione è ancora lunga. Quentin40 però ha tutto il tempo per percorrerla.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tommaso Di Giulio, esce Lingue: un disco nato di getto con featuring delle cicale

prev
Articolo Successivo

Un box per celebrare Abbado ‘operista’

next