Il sito web Butac.it – Bufale un tanto al chilo – da martedì mattina è di nuovo online. Il 6 aprile scorso era stato sottoposto a sequestro preventivo da parte della Procura di Bologna, con un’operazione svolta dalla polizia Postale e delle Comunicazioni per l’Emilia-Romagna, per via di una querela per diffamazione presentata dall’oncologo di Brindisi Claudio Pagliara. In seguito al provvedimento, il fondatore del portale anti-bufale, Michelangelo Coltelli, aveva presentato una richiesta di dissequestro che è stata accolta. A rimanere oscurato ora è solo l’articolo oggetto della querela, risalente a circa 2 anni e mezzo fa e intitolato ‘L’oncologo olistico e l’autoguarigione’.

Il sito che dal 2013 si occupa di smentire fake news in circolazione su internet, contestava le teorie sostenute dal medico parlando di “un caso in cui l’iscrizione all’albo non è garanzia di professionalità” e scrivendo che l’oncologo “diffonde le teorie della medicina olistica. Per chi non lo sapesse, trattasi di medicina alternativa-fuffa“. Claudio Pagliara ha perciò deciso di querelare Butac.it “per la gravissima e ingiustificata campagna di denigrazione e diffamazione consistita anche nella manipolazione del mio pensiero, tanto da attribuirmi contenuti opposti a quanto sostengo in numerose occasioni (facilmente documentabili) e antitetici a quello che è il lavoro di oltre 40 anni di professione medica al servizio del prossimo”, come ha spiegato lo stesso oncologo nei giorni scorsi in un post su Facebook.

“Dopo i colloqui che abbiamo avuto ieri in Procura, il pm ha disposto il dissequestro del sito”, ha spiegato l’avvocato Federico Cappelletti che insieme alla collega Anna Maria Cesari assiste il blogger Coltelli. “Ovviamente l’articolo considerato diffamatorio rimane oscurato – continua il legale – Possiamo dire che da un lato è stata ripristinata la proporzionalità e dall’altro la libertà di informazione“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La7, Diaco vs Ruggiero (Tradizionalisti Cattolici) su unioni civili: “E’ tutto di cattivissimo gusto”. E lascia la trasmissione

next
Articolo Successivo

No Tav, la condanna di Falcioni è un precedente pericoloso per il diritto di cronaca

next