Il principale produttore aerospaziale statunitense Boeing Company è stato colpito dagli hacker. L’azienda ha ammesso che alcuni dei suoi computer sono stati infettati dal virus informatico WannaCry, lo stesso che ha infettato migliaia di sistemi operativi lo scorso anno in 150 Paesi del mondo.

Il quotidiano Seattle Times ha divulgato una nota scritta da Mike VanderWel, ingegnere capo del dipartimento per la produzione di aerei commerciali, che ha mobilitato tutti gli esperti della società invitandoli a collaborare per mitigare l’effetto del virus.

L’infezione avrebbe avuto origine a North Charleston, in Carolina del Sud: “Ho sentito che i 777 (bracci robotici di assemblaggio) potrebbero essere bloccati“, ha dichiarato il manager, indicando che il virus potrebbe estendersi alle funzioni di produzione e di test degli aerei ed eventualmente agli stessi software dei veivoli.

Anche se la notizia ha scatenato un allarme diffuso all’interno della compagnia e tra i suoi clienti, Boeing ha assicurato che l’attacco è stato respinto con danni minimi. “Una serie di notizie sui problemi provocati dal malware sono esagerati e inaccurati“, ha sottolineato VanderWel.

Secondo quanto dichiarato dalla portavoce, Linda Mills, “il nostro centro per le operazioni di cybersecurity ha rivelato una limitata intrusione del malware in un ristretto numero di sistemi”. “Sono stati applicati dei rimedi – ha aggiunto – e questo non è un problema per produzione o consegne”.

Il virus WannaCry è un ransomware dannoso che sfrutta un difetto del software Windows per accedere a una rete. Il virus ha colpito ospedali, banche e istituzioni governative in diversi paesi nel 2017, provocando paure e panico in tutto il mondo.

 

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×
Articolo Precedente

Francia, Le Pen e Melenchon lasciano tra i fischi la ‘marcia bianca’ in memoria di Mirelle Knoll

prev
Articolo Successivo

Francia, auto contro militari nell’Isère: fermati un uomo e una donna. “Non è un caso di terrorismo”

next