“Accordo con Di Maio? Al di là dei nomi che appassionano tanto i giornalisti ma meno gli italiani credo che siano le cose da fare quelle su cui vedere se c’è un punto di incontro o no. Forza Italia non è d’accordo? Si parte dal programma e dalla coalizione del centrodestra, ne parleremo prima tra alleati e poi con gli altri. Convergenza su terzo nome? Non è una battaglia di nomi. Io sono pronto, ma non sono venuto al mondo 45 anni fa dicendo o faccio il Presidente del Consiglio o mi arrabbio e porto via il pallone dal campo del calcetto. Ircocervo? Prima lo devo studiare, è una parola molto dotta. O ci muoviamo come centrodestra o nessuno si muove da solo. Grillo ha detto che si fida di me? Sono contento, io mi fido di tutti nei fatti. Grillo non l’ho mai incontrato, ma i 5 stelle nei fatti, nelle elezioni dei presidenti di Camera e Senato, si sono dimostrati di parola”. Queste le dichiarazioni di Matteo Salvini intervenuto a Palazzo Marino a Milano a margine del consiglio comunale

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Diplomatici russi espulsi in Europa, Salvini contrario: “Così si aggravano problemi”. Silenzio da M5s e Pd

next
Articolo Successivo

Governo, “Forza Italia non ha rispettato i patti”. I capigruppo M5s giocano la carta della compattezza in chiave Quirinale

next