di Carblogger

Un’auto robot ha investito e ucciso una donna in Arizona. Al volante c’era un software, mentre il tecnico umano a bordo non ha evidentemente fatto in tempo a intervenire per evitare l’impatto.

Per il “selfdriving” non è il primo incidente, è il più grave. Parlando con Bloomberg nello stesso giornoun ex ingegnere che ha sviluppato sistemi di guida autonoma si è lasciato scappare: finalmente è accaduto.

Il robot al posto dell’essere umano al volante, che non è e non sarà un umanoide come letteratura e cinema ci hanno abituato a immaginare nel secolo scorso, servirà a salvare vite umane. L’assunto è che un computer sbagli molto meno di una persona. Negli Stati Uniti, ogni anno muoiono 6.000 pedoni in incidenti stradali.

L’auto robot che ha ucciso la donna è una Volvo XC90 gestita da Uber, la società californiana di trasporti privati. Le due aziende lavorano a un programma di sperimentazione autorizzata dallo stato americano, ora sospesa. Vanno avanti gli altri: Waymo di Google (anche con le Chrysler Pacifica di Fca), Gm, Toyota, Hyundai, Volkswagen, Bmw, Psa, Ford, Mercedes, Honda, Nissan). In America e nel resto del pianeta.

“Finalmente è accaduto” è un incubo che tutti gli ingegneri del mondo dovrebbero tenersi dentro anche fino a svenire. Cinismo da buttar via. Cinismo da Silicon Valley, dove le zone grigie – vedi il concomitante caso Facebook – sono ben altre rispetto alla  messa a punto di un algoritmo.

Ma non sparate sul robot. Stephen Hawking se ne è andato pochi giorni fa, teniamo lui a mente pensando alla guida autonoma e al futuro: “Il più grande nemico della conoscenza non è l’ignoranza, è l’illusione della conoscenza”.

@carblogger_it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diesel o elettrico? Cosa c’è dietro il bando delle auto inquinanti

prev
Articolo Successivo

Aiuto, mi si è ristretta la Plymouth! Il “gigante” scende dall’auto tra lo stupore degli appassionati

next