Uno sport utility a guida autonoma della flotta di Uber è stato coinvolto in un incidente mortale la scorsa notte a Tempe, in Arizona. L’auto ha investito una donna che si trovava in bici su un attraversamento pedonale mentre era inserita la modalità self driving, nonostante a bordo della vettura fosse presente un driver “umano”. Il quale, tuttavia, non è riuscito a riprendere il controllo dell’auto in tempo per evitare lo scontro. La donna è stata portata subito in ospedale, ma i medici non sono riusciti a salvarla.

Il colosso di San Francisco aveva cominciato i test su strada dei suoi veicoli a guida autonoma nel febbraio del 2017 e il mese successivo era arrivato il primo incidente (insieme a un primo breve stop alle prove), con due auto praticamente distrutte ma fortunatamente senza conseguenze per i passeggeri. Ora però ci è scappato il morto e dunque la compagnia ha deciso di sospendere immediatamente e fino a data da stabilirsi la sperimentazione delle sue self driving car, che attualmente ha luogo a San Francisco, Pittsburgh, Toronto e Phoenix, di cui Tempe è un sobborgo.

In un tweet l’amministratore delegato di Uber Dara Khosrowshahi, oltre ad aver espresso vicinanza alla famiglia della vittima, ha anche dichiarato di voler collaborare con le autorità competenti per chiarire la dinamica dell’accaduto. Autorità che nella fattispecie sono la polizia locale e l’NTSB (National Transportation Safety Board).

E’ la prima volta, dunque, che una vettura autopilotata investe una persona provocando un incidente mortale. Rischio che i detrattori di questa tecnologia avevano più volte paventato e che si è effettivamente avverato. Tra le molte cose da spiegare, c’è anche il ruolo (e l’eventuale responsabilità) del tester che si trovava a bordo dell’auto apposta per scongiurare un’eventualità del genere. E non è riuscito a farlo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stephen Hawking, quando il Professore faceva il testimonial per Jaguar – VIDEO

prev
Articolo Successivo

Uber, ecco il video dell’incidente. Il tester era distratto al momento dell’impatto – VIDEO

next