“Il futuro è come lo vuoi”. A dirlo alle bambine e ragazze che devono decidere che cosa fare da grandi sono le role model che partecipano al progetto internazionale Inspiring girls, portato in Italia nel 2017 da Valore D. Che il 20 marzo ha presentato una campagna video (in onda su Real Time) per presentare l’iniziativa raccontata sull’ultimo numero di Fq Millennium, il mensile diretto da Peter Gomez.

Valore D, che​ raggruppa grandi imprese impegnate a sostenere la leadership femminile in Italia, ha anche diffuso i risultati di una ricerca Ipsos condotta tra ragazzi e ragazze delle scuole medie​. Quello che emerge ​è una visione del futuro ancora fortemente influenzata dagli stereotipi di genere. Mentre i ragazzi si immaginano ingegneri, medici o informatici, le loro compagne aspirano ad essere insegnanti, veterinarie o avvocat​esse​. ​Queste aspettativ​e sono fortemente influenzate dalla famiglia​. Ancora oggi infatti un genitore su due ritiene che sia più facile per un maschio fare carriera e quasi l’80% crede che tocchi alle figlie occuparsi della famiglia​. Questo nonostante il 40%​​ riconosc​a che le ragazze hanno più facilità nello studio, sono più sicure di sé e più ambiziose.

Risultato: quattro ragazze su 5 pensano che saranno loro a occuparsi maggiormente della famiglia e in questo anche i ragazzi sono sostanzialmente d’accordo (poco più di 3 su 5). E il 56% delle studentesse delle medie è convinta che i compagni abbiano più possibilità di farsi strada nel mondo del lavoro.

Non solo: altrettanto potenti restano i preconcetti sui campi più o meno “adatti” ai due sessi. Per la metà dei genitori intervistati la bravura nelle materie scientifiche (in particolare l’informatica) è appannaggio dei maschi, mentre le femmine sono più brave in italiano, storia, geografia e lingue straniere. In questo quadro Inspiring girls, progetto fondato dall’avvocatessa internazionale Miriam González Durántez, punta a proporre modelli e messaggi che vadano al di là degli stereotipi. Portando nelle classi seconde e terze delle scuole medie – il momento in cui si decide il futuro percorso di studi – la testimonianza di donne che svolgono mestieri e ruoli tradizionalmente maschili

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, incriminato per aver salvato una donna incinta? Il solo reato è voltarsi dall’altra parte

prev
Articolo Successivo

Venezia, polemica in Tribunale per l’accordo su udienze per profughi. “Avvocati comunichino malattie infettive”

next