Gigi Proietti, che nel 2010 ha vestito i panni di San Filippo Neri nella fiction “Preferisco il Paradiso”, racconta a Tv2000 la figura del santo cui è dedicata la puntata del programma “Beati voi- Tutti Santi” , in onda mercoledì 28 febbraio alle 21.05. “San Filippo Neri fuggiva l’ufficialità, il ruolo, il crescere di grado” afferma l’attore e aggiunge “qualcosa di simile ce l’ho anche io. Non a caso con il regista della fiction Campiotti, mettemmo il titolo ‘Preferisco il Paradiso’, perché a San Filippo volevano offrire la porpora, ma lui disse “no grazie, preferisco il Paradiso” che poi è la sintesi della personalità di un grande cristiano”.

Nella puntata si evidenzia la complessità della figura di Filippo, fondatore dell’Ordine degli Oratoriani, con alcune delle sue caratteristiche peculiari, a partire dalla gioia: il Santo infatti era noto per la sua capacità di coinvolgere i fedeli anche grazie all’ironia e alla musica. Si parla poi anche di eredità spirituale e di “grande cuore”, lo Spirito Santo aveva infatti espanso il cuore di Filippo, sia in senso metaforico che letterale. Gli ospiti della puntata sono Vincenzo Figlioli, giornalista siciliano che, attraverso il giornalismo e l’insegnamento, porta avanti l’eredità spirituale e civile di Pippo Fava, Mario Francese, Mauro Rostagno e Peppino Impastato, assassinati dalla mafia ; il dottor Francesco Parisi, che da anni segue la vita dei piccoli trapiantati di cuore dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma; il maestro Francesco Senese, violinista di fama internazionale, che parla del legame che unisce musica e spirito; Claudio Colica, del duo comico “Le Coliche”, che sul web ironizza con leggerezza sui problemi capitolini; e infine Marco La Loggia, che interviene sul significato e l’importanza della figura del padre spirituale.

Arricchiscono la puntata la copertina e le foto Stefania Casellato. Presente anche Marco Guazzone, frontman della band Stag. Di musica si parla anche nel servizio di Giuseppe Bentivegna, sul Sistema Abreu a Napoli, nel Rione Sanità, mentre Giacomo Visco Comandini incontra Paolo Cognetti, vincitore del Premio Strega.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crozza a Che fuori tempo che fa: “La nevicata di Roma? Mi domando come possano esserci forme di vita in Trentino”

prev
Articolo Successivo

Isola dei Famosi 2018, il reality si allungherà di una puntata ma la noia è già al massimo: quali soluzioni per tenere sveglio il pubblico?

next