Nella parte sinistra del manifesto guarda davanti a sé, mentre lo spazio a fianco è riservato a un suo messaggio virgolettato. “Quando penso alle province del Lazio e ai suoi borghi penso ad accogliere più turismo, che rilancia l’economia locale, e meno migranti, che invece pesano sull’economia locale. Non è questione di destra o di sinistra, ma di buon senso”. Parole scelte da Roberta Lombardi, candidata del Movimento 5 Stelle per la Regione Lazio, che hanno suscitato polemiche in rete. E sulla vicenda è intervenuta la stessa Lombardi, che in un post su Facebook spiega come il messaggio pubblicato sul manifesto non sia in contrasto con quanto dichiarato finora.

“Si è fatto un gran parlare di un post su Fb dove dico che bisogna pensare ad accogliere più turismo e meno migranti. Un concetto che avevo già ribadito e che è stato riproposto sui social. E leggo i soliti giornali del Pd parlare di ‘virata a destra’. Ridicoli“. Poi ha aggiunto: “Perché gli stessi giornali non hanno parlato di ‘virata a sinistra’ quando avevo pubblicato un post ringraziando dei dipendenti di una pizzeria? Molti erano migranti regolari. Mi si accusò di voler aprire le porte a tutti. La verità è che in questo Paese ci sono temi intoccabili, c’è a chi piace etichettare le cose e c’è chi invece preferisce pesare le cose, guardare i numeri e parlare di realtà”.

Per la candidata 5 Stelle, sulle politiche immigratorie “serve un freno in questo momento, incluso un miglioramento delle strutture esistenti, e maggiore attenzione verso il rilancio del comparto turistico. Sono una persona concreta, se per qualcuno è un problema si può rifugiare negli slogan di D’Alema e Zingaretti – conclude Lombardi – che mentre parlavano di accoglienza si facevano finanziare le campagne elettorali del Pd da quelli che sostenevano che ‘i migranti rendono più della droga‘”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, Salvini hackerato: leader Carroccio ‘camuffato’ da maiale. Online anche 70mila mail

prev
Articolo Successivo

Francesca Barra e lo strafalcione sui manifesti di Matera capitale della cultura: “Un opportunità”. Scritto senza apostrofo

next