“Le parole di Vincenzo De Luca sui giornalisti di Fan Page definiti “camorristi“? Sono vergognose, non c’è giustificazione”. Così Don Ciotti, a margine della presentazione della relazione conclusiva della relazione Antimafia, in merito all’inchiesta su rifiuti e tangenti in Campania. “Mai vista tanta violenza verbale in campagna elettorale. Questa violenza rischia di generare altra violenza. Un clima inquietante che favorisce corruzione e mafie”, ha aggiunto il presidente di Libera. Per poi concludere:  “Corruzione e mafie sono due facce della stessa medaglia. Sono i parassiti che uccidono la speranza. Inquietante questo intreccio. Anche la società civile deve reagire”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Napoli, Bindi: “Parole di De Luca? Nessuno può intimidire la libera stampa, pilastro della vita democratica”

next
Articolo Successivo

Roma, sfiduciata la minisindaca di Montesacro con il voto di 4 dissidenti. M5s perde il secondo Municipio

next