Bagarre a Non è l’arena (La7) tra i giornalisti David Parenzo e Klaus Davi, a proposito dell’inchiesta di Fanpage su appalti, tangenti e rifiuti in Campania. Parenzo stigmatizza più volte l’utilizzo dell’ex camorrista Nunzio Perrella come “agente provocatore”, a cui Roberto De Luca, assessore dimissionario al Bilancio a Salerno, dà indicazioni su come muoversi per ottenere l’appalto per lo smaltimento delle ecoballe stoccate in provincia di Napoli, operazione di competenza della Regione. Klaus Davi insorge e ribatte: “Non fare il moralista, anche La Zanzara fa queste cose”. “Abbiamo fatto degli scherzi telefonici” – replica Parenzo – “Non mettere sullo stesso piano le due questioni. Non abbiamo mai usato un camorrista, non dire stronzate e minchiate”. Il conduttore, Massimo Giletti, invita alla calma e protesta anche Tommaso Cerno, ex direttore dell’Espresso e candidato Pd alla Camera, che ammonisce: “Non gridate, per cortesia. In questo Paese gridano tutti coloro che non sanno quello che devono dire. Chi sa quello che deve dire parla normalmente”. Parenzo, rivolgendosi al direttore di Fanpage, Francesco Piccinini, ribadisce che non approva il metodo giornalistico e si sofferma su Roberto De Luca: “Questi politici incontrano tutti. Guardando il vostro filmato, i De Luca, che non sono certamente i Kennedy italiani, ci possono stare simpatici o antipatici, ma nel merito vorrei essere garantista con Roberto De Luca. Lui si è dimesso da assessore e secondo me è stato tirato dentro un simpaticissimo trappolone, per il quale questo ingenuotto ragazzotto ha detto: ‘Mah, sì, un ingegnere… se vuoi, posso fare una telefonata’”. Interviene la giornalista Myrta Merlino: “Ragazzi, stiamo parlando di una cosa pazzesca. Stiamo parlando della mia terra, che è avvelenata da decenni. E ci sono bambini che muoiono di cancro“. “Certo, ma ci vuole molta serietà nell’affrontare questo”, ripete svariate volte Cerno. “Io credo che ogni mezzo sia lecito”, risponde Merlino. “Sì, ma ci vuole molta serietà”, ribadisce Cerno. E Piccinini non ci sta: “Se lei con quel tono dice che ci vuole serietà, sta dicendo che non siamo stati seri”. “No, ma sta scherzando?” – replica Cerno – “Io vengo da un giornalismo di inchiesta, voglio capire se la finalità è salvare quella terra dai rifiuti o colpire determinati obiettivi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, Renzi: “Di Maio ha dato dell’assassino a De Luca jr. Spero sia querelato. Vedrò udienza con popcorn in tribunale”

next
Articolo Successivo

Napoli, Cerno vs Piccinini (Fanpage): “Voglio capire finalità dell’inchiesta e se colpisce solo certi politici”

next