Meno debito, meno spesa pubblica e meno tasse, ma anche più pensioni, più investimenti e più reddito. Tutto insieme. Anche se è evidente che ogni annuncio è in contrasto con gli altri. Basta sorvolare sui costi, non quantificare, omettere i dettagli e il gioco è fatto. I programmi elettorali dei tre principali schieramenti “restano pieni di contraddizioni e affermazioni vaghe”, sintetizza su La Stampa l’ex commissario alla spending review Carlo Cottarelli. Lunedì il suo Osservatorio sui conti pubblici, lanciato a novembre all’università Cattolica di Milano, ha diffuso le analisi delle proposte di centrodestra, Pd e Movimento 5 Stelle in vista del voto del 4 marzo. Dalla flat tax al reddito di cittadinanza passando per gli assegni mensili per i figli a carico, ogni forza ha il suo cavallo di battaglia. Ma c’è un minimo comune denominatore: tutti i programmi, che costano in totale quasi 300 miliardi di euro, se realizzati produrrebbero un aumento del rapporto debito/pil. Che a fine legislatura passerebbe dal 131,6% di fine 2017 al 135,8% in caso di realizzazione del programma di centrodestra, al 134,8% se fosse messo in pratica quello del Pd e addirittura al 138,4% con le misure volute dall’M5s. Il contrario rispetto all’intenzione dichiarata dai leader.

L’impressione, secondo Cottarelli, è che “i programmi depositati al ministero dell’Interno non costituiscano piano concreti e coerenti di quello che i partiti intendano effettivamente fare una volta al governo”. E “mi sembra che questa volta si sia andati oltre non solo quello che è tollerato in altri paesi, ma anche alla tradizione elettorale italiana”. Tanto che, ammette l’economista ed ex direttore esecutivo presso il Fondo monetario internazionale, “verrebbe voglia di non andare a votare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Redditi, Tesoro: “Nei prossimi 3 anni aumenti superiori a 1000 euro”. Ma la cifra comprende i servizi del non profit

next