Ho spesso scritto del caso Avastin-Lucentis che fa spendere #unmilionedieuroalgiorno di soldi pubblici. Eravamo in attesa della sentenza della Corte di giustizia Europea che si è espressa dicendo che: “Da intesa Roche-Novartis ci sono state possibili restrizioni della concorrenza”. Ma la notizia più eclatante è arrivata il 1 febbraio a quasi tutti gli oculisti italiani direttamente tramite mail. La Novartis ha deciso di rimborsare il 70% della spesa per le iniezioni intravitreali di Lucentis. Saranno le strutture che dovranno chiederne il rimborso.

Qui si aprono diversi scenari:
– La Novartis ha ormai guadagnato tanto con Lucentis? (ne parlo in questo spazio dal primo post del 2011)
– Novartis e Roche si sentono “accerchiate” e vogliono dimostrare di non avere interessi?
– Sono uscite nel frattempo nuove molecole che hanno guadagnato quote di mercato?
– La Novartis ha paura di subire una condanna che la obblighi a restituire milioni di euro di soldi pubblici?

In tutta questa storia la Lorenzin tace, glissa, anzi si ricandida, e pensare che bastava che chiedesse a Napoleone Ferrara da lei stessa inserito nel Consiglio Superiore della Sanità. Lui, inventore delle due molecole, ben saprà dell’uguaglianza che ha espresso l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Cominciamo a spendere meno soldi pubblici nonostante i politici non ci aiutino a farlo. Mi sento parte attiva, insieme a Giorgio Muccio, Michela Montevecchi, Giorgio Mottola e Sabrina Giannini di questa parziale vittoria. La storia continua.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italo agli americani, Gentiloni non si dispiaccia: gli italiani viaggeranno meglio

next
Articolo Successivo

Invece di temere in eterno l’aumento dell’Iva, non sarebbe meglio una patrimoniale?

next