Amnesty International ha lanciato un appello alle autorità israeliane per chiedere il rilascio della 17enne palestinese Ahed Tamimi, che domani dovrebbe comparire – salvo ulteriori rinvii – di fronte al tribunale militare di Ofer per rispondere di 12 capi d’accusa, tra i quali aggressione aggravata e incitamento alla violenza. La minorenne rischia fino a 10 anni di carcere.

Come è noto, il 15 dicembre scorso Ahed Tamimi aveva spintonato, schiaffeggiato e colpito a calci un soldato israeliano che, insieme a un altro militare, poco prima era entrato nel cortile della sua abitazione nel villaggio palestinese di Nabi Saleh in occasione di una manifestazione contro la decisione del presidente statunitense Donald Trump di riconoscere Gerusalemme capitale d’Israele.

In precedenza un cugino della ragazza, il 15enne Mohammed Tamimi, era stato colpito alla testa da un proiettile di gomma sparato da corta distanza da un altro soldato israeliano. Si era reso necessario un intervento chirurgico che aveva dovuto rimuovere parte del cranio sinistro.

L’azione giudiziaria è iniziata dopo la diffusione su Facebook di un video della “aggressione aggravata” compiuta da Ahed Tamimi. Il 19 dicembre la minorenne è stata arrestata insieme alla madre Nariman (che aveva pubblicato il video) e alla 21enne cugina Nour.

Dalle immagini, che mostrano una ragazza disarmata e un soldato dotato di un fucile d’assalto e di equipaggiamento protettivo, si comprende bene come l’atteggiamento di Ahed Tamimi non costituisse alcuna minaccia significativa – tant’è che i due militari hanno gestito tranquillamente la situazione.

Il video ha provocato l’indignazione di molti israeliani e il ministro dell’Istruzione Naftali Bennett è arrivato a dichiarare alla radio militare che le tre arrestate avrebbero dovuto “trascorrere la loro vita in prigione”. Paradossalmente, anche i due soldati sono stati criticati per non aver reagito con la forza.

Secondo la Convenzione sui diritti dell’infanzia, di cui Israele è Stato parte, l’arresto, la detenzione o l’imprigionamento di un minore devono essere considerati come l’ultima misura a disposizione e devono durare il minor tempo possibile. L’arresto, il processo in corte marziale e la prevista detenzione di Ahed Tamimi fino alla sentenza sono provvedimenti palesemente eccessivi e sproporzionati. Per non parlare della possibile condanna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cina, troppi terreni agricoli contaminati: “Entro il 2020 bonifichiamo il 90%”. Ma costa 200 miliardi di dollari

next
Articolo Successivo

Mosca, il momento dello schianto dell’Antonov ripreso dalla videosorveglianza: la fiammata poi l’esplosione

next