Sta passando un po’ in sordina l’ultimo avvicendamento alla guida dei brand Alfa Romeo e Maserati: Reid Bigland ha infatti ceduto il timone a Timothy Kuniskis, nominato responsabile a livello globale dei due marchi italiani. Bigland rimarrà invece capo delle vendite negli USA nonché presidente e ad di FCA Canada.

“Dopo aver completato il lancio delle Alfa Romeo Giulia e Stelvio e della Maserati Levante, dobbiamo ora concentrare i nostri sforzi sui fattori commerciali che guideranno la crescita di questi due brand a livello globale” ha detto Sergio Marchionne, gran capo del Gruppo italoamericano. Bigland era stato nominato al vertice di Alfa e Maserati il 24 maggio 2016.

Il manager col maglione blu ha altresì specificato che “Reid ha creato una solida base commerciale per Alfa e Maserati e l’annuncio di oggi permette a Tim di dedicarsi esclusivamente al capitolo successivo di questi due storici brand. In Nord America, dove l’implementazione del nostro piano industriale volto a riallineare la produzione verso sport utility e pick-up è ormai in fase avanzata, Reid potrà focalizzarsi sulla crescita delle vendite negli Stati Uniti e in Canada”.

Kuniskis ha alle spalle ben 26 anni di esperienza in FCA: dopo aver lavorato nel marketing dei brand Dodge e Fiat, è stato responsabile del settore auto in Nord America per i marchi Chrysler, Dodge, Fiat e SRT (il suo ruolo ora passa a Steve Beahm).

“Questo è un anno importante per FCA. Lavoreremo per raggiungere gli obiettivi del nostro piano industriale quinquennale e allo stesso tempo per creare le basi di una crescita stabile e duratura”, ha dichiarato Marchionne.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2018, ecco i successi del Festival più cantati dagli italiani al volante

next
Articolo Successivo

Daimler, chiede scusa alla Cina per aver usato una frase del Dalai Lama

next