Sta passando un po’ in sordina l’ultimo avvicendamento alla guida dei brand Alfa Romeo e Maserati: Reid Bigland ha infatti ceduto il timone a Timothy Kuniskis, nominato responsabile a livello globale dei due marchi italiani. Bigland rimarrà invece capo delle vendite negli USA nonché presidente e ad di FCA Canada.

“Dopo aver completato il lancio delle Alfa Romeo Giulia e Stelvio e della Maserati Levante, dobbiamo ora concentrare i nostri sforzi sui fattori commerciali che guideranno la crescita di questi due brand a livello globale” ha detto Sergio Marchionne, gran capo del Gruppo italoamericano. Bigland era stato nominato al vertice di Alfa e Maserati il 24 maggio 2016.

Il manager col maglione blu ha altresì specificato che “Reid ha creato una solida base commerciale per Alfa e Maserati e l’annuncio di oggi permette a Tim di dedicarsi esclusivamente al capitolo successivo di questi due storici brand. In Nord America, dove l’implementazione del nostro piano industriale volto a riallineare la produzione verso sport utility e pick-up è ormai in fase avanzata, Reid potrà focalizzarsi sulla crescita delle vendite negli Stati Uniti e in Canada”.

Kuniskis ha alle spalle ben 26 anni di esperienza in FCA: dopo aver lavorato nel marketing dei brand Dodge e Fiat, è stato responsabile del settore auto in Nord America per i marchi Chrysler, Dodge, Fiat e SRT (il suo ruolo ora passa a Steve Beahm).

“Questo è un anno importante per FCA. Lavoreremo per raggiungere gli obiettivi del nostro piano industriale quinquennale e allo stesso tempo per creare le basi di una crescita stabile e duratura”, ha dichiarato Marchionne.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2018, ecco i successi del Festival più cantati dagli italiani al volante

prev
Articolo Successivo

Daimler, chiede scusa alla Cina per aver usato una frase del Dalai Lama

next