Italiani, popolo di cantanti. Soprattutto nella settimana del Festival dei Fiori ci riscopriamo “usignoli” e amanti della musica. Al punto che il sito specializzato in compravendita di auto e moto Autoscout24 si è preso la briga di andare a vedere quali sono le hit di Sanremo che agli automobilisti italiani piace canticchiare mentre sono al volante.

L’indagine ha infatti confermato che quasi la metà degli intervistati (46%) è interessata a seguire in radio, mentre guida, programmi dedicati al festival e relativi motivetti orecchiabili. Nonostante il 45% di loro sia consapevole che ormai il mercato discografico sia composto soprattutto da gente uscita dai talent show.

Non è un caso che tra coloro di cui si sentirà di più la mancanza sul palco dell’Ariston sono stati indicati i Maneskin (10%) e Francesca Michielin (32%), entrambi “prodotti” di X-Factor. Ma la nostalgia sarà anche per Loredana Bertè (17%), Morgan (9%), Orietta Berti (8%), Marco Carta ed Enrico Papi (7%). Mentre il popolo canterino delle quattro ruote non vede l’ora di ascoltare “Arrivedorci” di Elio e le storie tese (15%), “Rivederti” di Mario Biondi (13%), “Senza Appartenere” di Nina Zilli (11%).

Ma veniamo alle canzoni più gettonate. “Occidentali’s Karma” di Gabbani ha ottenuto il 21% delle preferenze tra quelle più attuali, e si piazza al primo posto grazie a un ritmo senza dubbio coinvolgente. Al secondo posto, entrambe con il 7%, troviamo “Un giorno mi dirai” degli Stadio e “Grande amore” de Il Volo.

Se invece si fa un passo indietro, ai grandi successi passati, c’è spazio per i mosti sacri: “Vita Spericolata” di Vasco Rossi, che non ebbe successo immediato a Sanremo, “Gianna” di Rino Gaetano e “4 marzo 1943” di Lucio Dalla. In tema di amarcord, c’è spazio anche per l’attuale presentatore del Festival Claudio Baglioni: i brani del cantautore romano più ascoltati in macchina sono “Questo piccolo grande amore” e “Strada Facendo” con il 23% delle preferenze, seguiti da “Mille giorni di te e di me” (14%) e “Avrai” (12%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bmw SciAbile, quando la disabilità diventa un’occasione. Garantisce Zanardi – FOTO

next
Articolo Successivo

Alfa Romeo e Maserati, cambio al vertice. Via Bigland, arriva Kuniskis

next