Matteo Renzi a Roma incontri i candidati per il prossimo Parlamento del Partito Democratico e parla del programma elettorale dem: “sarebbe un passo in avanti che almeno i candidati lo leggessero”

Poi arrivano i suggerimenti per i candidati: “Il punto ora è come riusciamo a raccontare fuori non solo quello che abbiamo fatto ma anche quello che vogliamo fare. Noi quando chiediamo ad uno dei nostri un ‘condividi’ apriamo un dilemmi etico – si lamenta Renzi – da qui al 4 marzo gentilmente se c’è una notizia interessante da condividere, condividete le buone notizie. Non vi vergognate di far parte di una squadra che in questi anni ha salvato l’Italia”. Non solo suggerimenti ‘social’: “Ci terremo in contatto con delle chat su WhatsApp però un suggerimento: andate incontro alla gente, chiedete a delle persone di organizzare i tè, dei caffè, degli aperitivi. Dieci, dodici persone, massimo quindici, dove il candidato o un suo collaboratore, o un suo amico, vada a smontare una ad una, le balle che dicono di noi e contemporaneamente vada a raccontare perché noi siamo i più credibili. Tre, quattro incontri a settimane – saltando la settimana di ‘Sanremo‘ – e vedrete che le cose cambieranno in modo significativo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, l’emozione del candidato Padoan: “E’ la prima volta. Da ministro più grande soddisfazione è gratitudine di chi non conosci”

prev
Articolo Successivo

PD, tra volti nuovi e fedelissimi di Renzi: “Un governo con B? Vediamo i numeri”. Ma Siani: “Se serve al paese…”

next