C’è chi si affida alla retorica del “puntiamo a vincere”, nonostante i sondaggi tutt’altro che esaltanti per il Pd. O chi, più realista, allontana lo scenario al post-voto. Ma nessuno o quasi, tra fedelissimi di Renzi e volti nuovi, esclude un governo con Silvio Berlusconi, se sarà necessario per formare una maggioranza in grado di governare. “Larghe intese con Forza Italia? Su questo dobbiamo ragionare. L’interesse è per il Paese. Se per il bene del Paese bisogna farlo, si farà anche questo“, spiega il candidato del Pd a Napoli Paolo Siani (fratello del giornalista Giancarlo, ucciso dalla camorra nel 1985), voluto da Matteo Renzi in persona come simbolo di legalità.

Ma se Siani non si nasconde, altri come Matteo Orfini e Matteo Richetti provano ad allontanare l’ombra berlusconiana: “Dobbiamo lavorare per evitarlo, non voglio prendere in considerazione altri scenari rispetto al lavoro che dobbiamo fare per vincere”, rivendica il presidente dem. “Se non avremo i numeri, la parola passerà a Mattarella. Sarà un’altra fase, un lavoro che non sarà soltanto in capo al Pd”, rilancia pure il portavoce Pd. “Noi puntiamo a vincere. Ma credo che nemmeno tra Salvini e Berlusconi possa esserci una vera alleanza”, taglia corto invece Francesca Barra. Più realista il fedelissimo renziano Michele Anzaldi: “Vedremo quanti voti prenderemo noi e i numeri degli altri partiti, poi ci penserà il presidente della Repubblica”. Di fatto, nessuno esclude a priori lo scenario delle larghe intese. Se non Cesare Damiano: “Non va fatto il governo con Berlusconi, non si può andare in quella direzione”. Ovvero, un esponente di quella minoranza ridotta ai minimi termini da Renzi nelle liste. E a rischio irrilevanza nel partito. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, i consigli di Renzi ai candidati dem: “Solo notizie positive e organizzate dei tè con 15 persone. Le cose cambieranno”

prev
Articolo Successivo

PD, alla corte di Renzi c’è anche Franco Alfieri: “Fritturine? Solo una battuta di De Luca. Ho consenso perché sto tra la gente”

next