Il Pd non l’ha inserito nelle liste per le elezioni del 4 marzo, dopo che si è battuto – anche con lo sciopero della fame – per far approvare la legge sullo ius soli. Ma per Luigi Manconi arriva ora un altro incarico. Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni l’ha nominato coordinatore dell’Unar, l’Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull’origine etnica, istituito nel 2003 nell’ambito del Dipartimento per le pari opportunità.  L’incarico, che svolgerà a titolo gratuito, avrà inizio dal 24 marzo 2018. Manconi è docente di sociologia dei fenomeni politici. nella legislatura appena finita è stato presidente della Commissione per la tutela dei diritti umani del Senato.

Lo scorso anno l’allora direttore dell’Unar Francesco Spano ha dato le dimissioni dopo che la trasmissione Le Iene ha documentato come l’ufficio abbia assegnato un bando da 55mila euro a un’associazione cui fanno capo alcuni circoli, saune e centri massaggi in cui praticava la prostituzione maschile e si svolgevano orge.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’Italia che non protegge una quindicenne vittima di prostituzione è colpevole. Di immobilismo

prev
Articolo Successivo

‘Dirigo il carcere di Paliano, ma vivo coi detenuti. Hanno ricostruito tutto, dalle celle agli orti. La prigione ora è una casa’

next