Mosca, Alexei Navalny, strenuo oppositore di Putin, sta raggiungendo un corteo di protesta a pochi metri dal Cremlino per sollecitare i presenti a boicottare le elezioni presidenziali di marzo che reputa truccate. Navalny, dopo essere apparso al raduno, viene atterrato dalla polizia e caricato a forza su un furgone per essere tratto in arresto. Le autorità stimano che i manifestanti presenti in piazza Pushkin fossero circa un migliaio. Dal profilo Twitter Navalny fa sapere che “la detenzione di un singolo non conta se si è in tanti; c’è sempre qualcuno che può sostituirlo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ultima utopia arriva dal Sahel e non da Davos

next
Articolo Successivo

Kabul, nuovo attentato: bombe e raffiche di mitra contro l’accademia militare. “Almeno 11 morti”. L’Isis rivendica

next