La francese Elisabeth Revol e il polacco Tomek Mackiewicz sono rimasti bloccati a oltre 7000 metri sulla parete Diamir del Nanga Parbat, in Pakistan. I due alpinisti erano impegnati nell’assalto finale alla vetta quando Mackiewicz ha accusato gravi problemi di salute, in particolare congelamenti e perdita della vista, a circa 7.400 metri di altitudine. Stando alle ultime notizie e come riporta Gazzetta.it, i due sarebbero riusciti ad imboccare la via Messner-Eisendle che li riporterà all’ultimo campo. Coordinata dalle Ambasciate di Francia e Polonia, è stata organizzata una spedizione di soccorso: quattro alpinisti (Adam Bielecki, Piotr Tomala, Jarek Bootor e Marek Chmielarski) domani verranno prelevati al campo base e portati in elicottero ai piedi del Nanga Parbat per avviare le ricerche. L’obiettivo è di sorvolare la zona per individuarli e tentare di recuperarli. Revol e Mackiewicz stanno cercando da anni di scalare il Nanga Parbat nella stagione invernale.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gigi D’Alessio: “Io e Anna stiamo insieme da 12 anni. A me fanno male tutte le cattiverie che le addossano”

prev
Articolo Successivo

Giornata della Memoria, lo speciale di Sky Tg24 sull’antisemitismo: “La sconfitta della ragione”

next