“Tante volte abbiamo provato ad unirci, ad incollarci: ma quando fai così non è detto che gli elettori ci seguano. Non ci hanno seguito a Genova, a Sesto San Giovanni, a Como e in tantissime altri parti d’Italia. Quindi abbiamo deciso di far scegliere alla gente, perché si è aperta una voragine di diseguaglianze e non si battono le destre semplicemente unendoci senza costrutto. I lavoretti di due ore a settimana non sono occupazione, e chi non lo vede fa finta di non vedere la crisi che ancora colpisce larga parte dei cittadini: lì arrivano le destre, e chi è cieco rispetto a questa cosa non vede la mucca nel corridoio. Bisogna cambiare politiche”. Così Pierluigi Bersani, esponente di Liberi e Uguali, alla stampa che lo intervista a Montecitorio sulle alleanze dopo le scelte di Leu di sostenere il candidato del Pd nel Lazio ma non quello della Lombardia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, il vero volto del centrodestra: a Sesto una via per Craxi. E in Sicilia “la mafia si combatte senza giustizialismo”

next
Articolo Successivo

Elezioni 2018, è gara a chi la spara più grossa. Ma non mancavano i soldi?

next