TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI di Martin McDonagh. Con Frances McDormand, Sam Rockwell, Woody Harrelson. UK/USA 2017 Durata: 115’ Voto: 4,5/5 (AMP)

In una wasteland dell’America profonda ecco apparire d’improvviso alle porte di una cittadina tre manifesti: denunciano il nome dello sceriffo locale Bill accusandolo di inezia verso il caso irrisolto di una ragazza violentata e uccisa sette mesi prima. Artefice del gesto è Mildred, madre della vittima, donna verace e impavida, pronta a tutto pur di restituire quel che resta in termini di giustizia alla figlia martoriata. Commedia nerissima abilmente mescolata al cop, criminal e gangster movie Tre manifesti a Ebbing, Missouri è indubbiamente il miglior titolo di inizio 2018 (peraltro fresco di trionfo ai Golden Globes). Ammantato di un’ironia suprema, degna dello british humor di cui ontologicamente è portatore lo sceneggiatore e regista londinese – il film è a tutti gli effetti una produzione a maggioranza britannica col sostegno della “indie” Fox Searchlight –, questo prodigioso oggetto filmico sembra privo di difetti. Scritto da accademia, diretto come fosse Tarantino o i Coen ma con un’originalità tutta sua, McDonagh ci porta negli orrori intimi di una donna (ma quanto è brava, sempre ma qui anche di più, Fran McDormand..) che mette a fuoco unicamente la vendetta per la figlia brutalmente abusata e uccisa. Attorno a lei un universo di inetti, insolenti residui di una società collassante, a partire dall’agente Dixon (un Sam Rockwell in stato di grazia) alcolizzato e meschino, incapaci di comprendere il suo dramma. Ma mentre il film cresce, i personaggi crescono al suo fianco perché a ciascuno è data l’ultima chance di redenzione: siamo pur sempre nella terra promessa di un Sogno che giammai può negarsi ai suoi cittadini, almeno nel miraggio di una speranza.  E questo è apparso chiarissimo anche a un suddito di Sua Maestà, capace di guardare in profondità i pericolosi segnali del nostro tempo ovunque sparpagliati. Da non mancare, preferendolo in versione originale.

Film in uscita, cosa vedere e cosa non nel finesettimana del 13 e 14 gennaio

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gli invisibili, la Resistenza di quattro ragazzi nella Berlino “liberata dagli ebrei”. Clip in esclusiva

prev
Articolo Successivo

Coco-Il film, nella storia di Miguel una lezione per adolescenti e genitori

next