Nel terzo trimestre del 2017 in Italia la pressione fiscale è stata pari al 40,3%. Lo rileva l’Istat, segnalando una leggera flessione di 0,4 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il peso delle tasse sulle tasche degli italiani è stato pari al 40,2% se si considerano invece i primi nove mesi del 2017. Il deficit del nostro Paese in rapporto al Pil tra luglio, agosto e settembre è del 2,1%. L’indebitamente netto registrato invece da inizio 2017 è pari al 2,3% del prodotto interno lordo. L’Istat ha pubblicato anche i dati relativi  alle famiglie italiane: migliorano leggermente reddito e potere d’acquisto, aumenta la propensione al risparmio, mentre rallenta la corsa dei consumi.

“Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato dello 0,7% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti solo dello 0,2%. Di conseguenza, la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è aumentata di 0,5 punti percentuali, salendo all’8,2%“, spiega l’Istat. Insomma, non tutto il guadagno è stato speso. E così una fetta è andata a rimpinguare le casse domestiche. Infatti, la propensione al risparmio misurata in questo report, altro non è che il rapporto tra il risparmio lordo e il reddito lordo disponibile.

Cresce anche il potere d’acquisto, salito dello 0,8% rispetto al trimestre precedente e dell’1,1% in termini tendenziali. Rallenta invece la corsa dei consumi: nel terzo trimestre del 2017 la spesa delle famiglie sale solo dello 0,2%: è il rialzo congiunturale più contenuto dall’inizio del 2016. E anche il risultato registrato su base annua (+2,5%) segna una frenata rispetto ai trimestri precedenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banche Usa, prima condanna per revisori dopo crac: PricewaterhouseCoopers “negligente”

next
Articolo Successivo

Vincenzo Zucchi, morto l’amministratore delegato Michel Lhoste

next