E’ venuto a mancare improvvisamente Michel Lhoste, co-amministratore delegato della Vincenzo Zucchi. Lo ha reso noto Joël Benillouche, presidente e amministratore del gruppo tessile. “Siamo scioccati e molto tristi – ha detto – per questa terribile e inaspettata notizia. Tutta l’azienda è vicina e si stringe nel cordoglio alla famiglia di Michel, del quale ricorderemo sempre la sua grande umanità e capacità professionali“.

Lhoste, 52 anni, ha lavorato per oltre venti anni a livello globale nell’industria fashion e luxury, con esperienza di brand management, di turnaround e di sviluppo internazionale. Prima di essere cooptato in Zucchi, nel novembre scorso, Lhoste ha lavorato nel Gruppo Benetton dove ha ricoperto per quattro anni la carica di International Business Director Extra Europe. E’ stato Group General Manager presso Belstaff e Sixty Group, guidando la ristrutturazione di entrambe le aziende. Nelle sue esperienze passate, Lhoste ha anche ricoperto ruoli di primaria importanza in aziende quali Mantero Seta, Salvatore Ferragamo, Slowear.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Istat, pressione fiscale al 40,3% (-0,4). “Crescono potere d’acquisto e redditi delle famiglie, rallentano i consumi”

prev
Articolo Successivo

Ferrero in pole position per cioccolato Nestlè in Usa. Operazione da oltre 2 miliardi di dollari

next