E’ guerra sui vitalizi tra il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e la candidata M5S alla guida della regione, Roberta Lombardi. Il duello tra i due politici si consuma su Facebook e nella trasmissione “Lavori in corso”, su Radio Radio. Ad aprire le cateratte della polemica è il M5S Lazio, che nel pomeriggio pubblica su Facebook un filmato risalente al 28 dicembre del 2013: mostra Zingaretti, che interviene in Aula sulla questione vitalizi. Lombardi lo condivide sulla propria pagina ufficiale, accompagnandolo con un commento: “Vi stanno prendendo in giro. La Regione Lazio non ha tagliato i vitalizi. Chiudiamo anche questa farsa del Pd sui vitalizi: il presidente uscente Zingaretti davanti alla nostra proposta di tagliargli e introdurre il sistema contributivo dichiarava, il 28 dicembre 2013, in Aula consiliare: ‘I vitalizi tutelano la dignità’ del lavoro svolto dagli ex consiglieri. E la dignità dei cittadini, dei ‘comuni mortali’ dove la mettiamo?”. E chiosa: “Se andremo al governo della Regione Lazio noi i vitalizi li taglieremo e i 100 milioni di euro li investiremo in sanità e in incentivi alle imprese“. “E’ un’affermazione deprimente” – commenta Zingaretti, ai microfoni di Radio Radio – “Non ho altro da dire. Lombardi, rispetto ai problemi dei cittadini, ritorna a dire bugie“. Il politico del Pd ribadisce: “Noi siamo stati la prima giunta in Italia a cancellare i vitalizi per i consiglieri regionali, quelli attuali e quelli del futuro. Per quelli che erano diritti pregressi abbiamo fatto un fondo per tagliare questi vitalizi e, visto che la Corte Costituzionale non prevedeva che fosse permanente, si conclude con questa legislatura, ma solo ed esclusivamente per salvare il provvedimento da eventuali ricorsi che ci sono stati. È ovvio che, appena si riapre la legislatura, scatta il rinnovo del fondo di solidarietà, quindi non c’è nessuna cosa da nascondere, ma siamo orgogliosi di aver dimezzato le indennità ed eliminato i vitalizi per i consiglieri regionali”. E accusa: “Purtroppo da tre mesi il M5S ha cominciato la campagna elettorale senza uno straccio di idea e di proposta, ma solo diffondendo notizie false, a cui poi noi dobbiamo rispondere. Chi fonda la propria campagna elettorale solo diffondendo notizie false sugli altri evidentemente non ha molto di bello da dire su di sé. E questo è molto triste. Da parte nostra, grande serenità, risponderemo colpo su colpo. Mi dispiace che chi non ha argomenti fa campagna elettorale sul fango e sulle bugie. Più che i Cinque Stelle sembrano i Cinque Bugiardi“. Scudisciata anche alla sindaca di Roma, Virginia Raggi, sul tema rifiuti: “Non voglio fare polemiche, perché io sono il presidente di tutti, anche ovviamente di questa bellissima mia città. E non credo che la giunta Raggi sia una mia avversaria, perché chi governa deve pensare al bene comune. Però non c’è dubbio che di casini ne stanno facendo, e parecchi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, Di Maio: “Puntiamo al 40%, con noi le migliori energie del paese”. Poi brinda con il vin brulé

next
Articolo Successivo

Torino, Lega e e FdI contro il museo egizio per campagna “discriminatoria”

next