La nuova norma che indica come obbligatori e a pagamento per il consumatore i sacchetti biodegradabili per frutta e verdura riguarda anche i farmacisti, che dal primo gennaio devono inserire nello scontrino il prezzo dell’eventuale bustina in cui i loro utenti mettono i farmaci. Una farmacista ci ha spiegato: “Rispetto a prima siamo obbligati a mettere il prezzo, altrimenti c’è una multa da 2.500 a 25mila euro”. Tutti i clienti che abbiamo sentito si sono detti contrari a pagare e sono usciti senza acquistare le bustine: “D’ora in poi mi farò dare le cose in mano”, ci ha assicurato una signora

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Telecom mi ha bidonata. Cara Befana, portami una class action nella calza

next
Articolo Successivo

Altro che sacchetti bio, il concorso Famae offre fino a un milione di euro a chi ricicla meglio

next