Anche il 2017 volge al termine e come da tradizione è tempo di tirare le fila di questo anno cinematografico.
Questi sono a mio avviso i quindici film più belli usciti in sala, in Italia, dal 1 gennaio al 31 dicembre 2017. Partiamo dal basso.

15. Wonder Wheel di Woody Allen: La vita è un giro continuo su una grande ruota panoramica che un attimo ti lascia assaporare lo spettacolo della cima e quello immediatamente successivo ti riporta a terra. Felicità, malinconia e ineluttabilità si rincorrono senza acciuffarsi mai davvero. Allen torna a girare intorno a tematiche a lui ben note, eppure la sua capacità di scrittura e la sua leggerezza di tocco restano sempre una lezione di grande classe. Anche la nuova deriva estetica avviata dalla collaborazione con Vittorio Storaro, seppure in alcuni momenti troppo invasiva, è uno spettacolo per gli occhi. Un cinema immortale.

14. Split di M. Night Shyamalan: Con un senso del cinema dai tratti hitchcockiani, Shyamalan incolla lo spettatore allo schermo e lo immerge dentro un’introspezione psicologica ricca di complessità e colpi di scena mozzafiato.

13. Personal shopper di Olivier Assayas: un film inafferrabile e intangibile, proprio come il fantasma che lo abita, un film in cui paura e desiderio diventano le uniche possibilità per sentirsi vivi in un mondo virtuale costantemente interconnesso.

12. Lovless di Andrei Zvygnstev: Tra Antonioni e Tarkovsky, Zvygnstev muove il suo cinema asciutto nell’assenza, in una metafora tagliente e spietata sulla madre Russia. Implacabile.

11. A Ciambra di Jonas Carpignano: Carpignano fa della vita la sua sceneggiatura, utilizza il linguaggio della quotidianità vera e drammatica e pone uno sguardo autentico privo di compromessi, rimanendo sempre aderente alla sua idea di cinema. Un gioiello tutto italiano da proteggere e custodire.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fausto Brizzi sbanca al cinema nonostante lo “scandalo molestie”. E Barbareschi gli offre un contratto per tre film

prev
Articolo Successivo

Cinema, nel 2017 l’anniversario di tre capolavori: Il Padrino, Incontri ravvicinati e La vita è bella

next