Anche il 2017 volge al termine e come da tradizione è tempo di tirare le fila di questo anno cinematografico.
Questi sono a mio avviso i quindici film più belli usciti in sala, in Italia, dal 1 gennaio al 31 dicembre 2017. Partiamo dal basso.

15. Wonder Wheel di Woody Allen: La vita è un giro continuo su una grande ruota panoramica che un attimo ti lascia assaporare lo spettacolo della cima e quello immediatamente successivo ti riporta a terra. Felicità, malinconia e ineluttabilità si rincorrono senza acciuffarsi mai davvero. Allen torna a girare intorno a tematiche a lui ben note, eppure la sua capacità di scrittura e la sua leggerezza di tocco restano sempre una lezione di grande classe. Anche la nuova deriva estetica avviata dalla collaborazione con Vittorio Storaro, seppure in alcuni momenti troppo invasiva, è uno spettacolo per gli occhi. Un cinema immortale.

14. Split di M. Night Shyamalan: Con un senso del cinema dai tratti hitchcockiani, Shyamalan incolla lo spettatore allo schermo e lo immerge dentro un’introspezione psicologica ricca di complessità e colpi di scena mozzafiato.

13. Personal shopper di Olivier Assayas: un film inafferrabile e intangibile, proprio come il fantasma che lo abita, un film in cui paura e desiderio diventano le uniche possibilità per sentirsi vivi in un mondo virtuale costantemente interconnesso.

12. Lovless di Andrei Zvygnstev: Tra Antonioni e Tarkovsky, Zvygnstev muove il suo cinema asciutto nell’assenza, in una metafora tagliente e spietata sulla madre Russia. Implacabile.

11. A Ciambra di Jonas Carpignano: Carpignano fa della vita la sua sceneggiatura, utilizza il linguaggio della quotidianità vera e drammatica e pone uno sguardo autentico privo di compromessi, rimanendo sempre aderente alla sua idea di cinema. Un gioiello tutto italiano da proteggere e custodire.

I migliori quindici film del 2017 (secondo me)

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fausto Brizzi sbanca al cinema nonostante lo “scandalo molestie”. E Barbareschi gli offre un contratto per tre film

next
Articolo Successivo

Cinema, nel 2017 l’anniversario di tre capolavori: Il Padrino, Incontri ravvicinati e La vita è bella

next