Anche il gigante cinese dell’e-commerce Alibaba Group vuole mettere un piede nell’industria dell’auto: per questo ha investito nella Xiaopeng Motors Technology, startup per veicoli elettrici fondata nel 2014 a Guangzhou. XPENG Motors è già pronta a consegnare alla clientela le sue prime mille vetture prodotte e sarà presente anche all’imminente CES 2018, la fiera dell’elettronica di consumo di Las Vegas.

Il primo modello della XPENG Motors, nemmeno a dirlo, è un suv a emissioni zero con circa 300 km di autonomia. La marca ha stretto anche un accordo con la Haima Motor Corp per la costruzione di 50 mila auto elettriche nei prossimi 4 anni. In questi ambiziosi programmi si inserisce Alibaba, con l’aspettativa di diventare un provider per l’infotelematica automotive: non a caso nel 2016 il gigante asiatico ha ufficializzato un’alleanza con la tedesca Here (ex marchio di Nokia), che si occupa della creazione di mappe GPS, info sul traffico e navigazione satellitare.

Alibaba è solo l’ultima di una schiera di aziende che mai avevano avuto a che fare con le quattro ruote ma che, con la prospettiva della guida autonoma e dell’elettrificazione di massa, aspirano a ritagliarsi la loro fetta di business. In principio erano state Google ed Apple a lanciarsi nel settore, inizialmente con l’intenzione di diventare veri e propri costruttori e, successivamente (e più realisticamente), come fornitori di soluzioni tecnologiche: attualmente entrambe le multinazionali sono alle prese con lo sviluppo del proprio sistema di pilota automatico per auto.

Big G in particolare ha iniziato in Arizona i test su strada aperta e all’inizio del 2018 sarà avviato il servizio taxi: dopo anni passati a raccogliere dati attraverso la Google Car, Google è quasi pronta a mettere sul mercato il suo prodotto. Mentre i rivali della mela morsicata sono alle prese con lo sviluppo di un autopilota che non utilizzerà mappe satellitari: al loro posto dovrebbe esserci un modello predittivo che, attraverso sensori di bordo, prenderà decisioni in tempo reale.

Poco più di un anno fa anche la coreana Samsung ha svelato i suoi “piani automobilistici”: ha comprato per 8 miliardi di dollari l’americana Harman (26mila dipendenti, 7 mld di fatturato e una clientela in cui figurano Mercedes, Bmw e Volkswagen), specializzata in tecnologia audio e da tempo fornitrice di impianti automobilistici. Samsung aveva provato a entrare nel settore palesando un interessamento pure per Magneti Marelli, risoltosi in un nulla di fatto.

Il brand asiatico vorrebbe portare la sua componentistica – display touch, processori, sistemi di connettività e videocamere utili per la guida autonoma – a bordo delle automobili di mezzo mondo. E poi c’è il “caso Dyson”: l’azienda inglese di elettrodomestici interessata all’elettromobilità. Il suo asso nella manica? Le batterie allo stato solido, che promettono di aumentare l’efficienza e ridurre al minimo sindacale i tempi di ricarica: per questo Dyson ci ha già investito 2,3 miliardi di euro.

Articolo Precedente

Spagna, arrivano 20 milioni di euro in incentivi statali per la mobilità verde

next
Articolo Successivo

Enel, parte progetto europeo per stazioni ultraveloci di ricarica auto elettriche

next