Ogni giorno, le località che compongono l’area della Ghouta orientale, un’area intorno a Damasco, sono bombardate. Il video, girato dall’operatore Omar al Khateeb, mostra i momenti appena successivi l’impatto di un missile. Per riprendere l’uomo sale su un microbus trasformato per necessità in un’ambulanza. I continui raid aerei russi e governativi hanno creato difficoltà nel trasporto quotidiano, generando insicurezza continua negli abitanti. Sotto assedio da quattro anni dalle truppe fedeli al governo di Bashar al Assad e sotto il controllo di diversi gruppi armati dell’opposizione siriana, nella Ghouta orientale l’acqua è uno dei problemi principali. I bombardamenti aerei russi e siriani hanno danneggiato le infrastrutture, anche quelle idriche. Gli abitanti hanno costruito pozzi di fortuna dove approvvigionarsi e l’acqua estratta molto spesso non è filtrata, mettendo a rischio la salute di chi la beve. L’assedio della Ghouta, dove vivono 400 mila persone, ha creato anche un mercato nero dei beni di prima necessità. Il prezzo del pane è quintuplicato e i forni dove viene prodotto sono alimentati da pneumatici e plastica, bruciata in mancanza del legno. La dieta dei civili è basata sulle poche verdure che vengono prodotto nei campi. Sale, olio o zucchero sono scomparsi dagli scaffali e rimangono reperibili nel solo mercato nero, oggi fiorente

Immagini di Omar alKhateeb

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, l’assedio infinito alla Ghouta: in 400mila sotto le bombe: “Restiamo in vita mangiando il cibo degli animali”

next
Articolo Successivo

Ghouta, 4 anni fa il rapimento di Razan: nessuno conta più i morti della guerra

next