“Amore mio”. Filippa Lagerback usa questo hashtag per accompagnare un post nel quale esprime la sua felicità per la finalissima del Grande Fratello Vip raggiunta dal suo Daniele Bossari. Un post sobrio, dove i due si tengono per mano e sorridono. Un post che potrebbe essere quello di tante coppie. Lei bella, con un lungo kaftano. Lui in costume e maglietta. Niente pose plastiche, niente sguardi sexy o forme in vista. Per carità, niente contro gli sguardi sexy e le forme in vista. Ma se è vero che questa edizione del GFVip è stata costellata da coppie scoppiate e nate davanti all’occhio impietoso delle telecamere, è altrettanto innegabile che Filippa e Daniele hanno tenuto alta, con onore, la quota della “normalità”. Da un lato i triangoli da soap opera, dall’altro una quotidianità romantica. Un po’ come quella resa da Simona Izzo e Ricky Tognazzi, solo in “quota over”. Niente scene epiche, niente prese di posizione nette, niente sceneggiate.

Ora, signora mia, lei sa meglio di me che probabilmente entrambe queste coppie, così longeve, affronteranno le immancabili beghe del vivere quotidiano. Ma il messaggio che, a dispetto dei lustrini dello showbiz e delle ospitate in discoteca, si possa pure pensare di stare insieme per un periodo considerevole, è un messaggio che ci piace. E che piace al pubblico dei social. È divertente, sì, spettegolare sui dolori della giovane Cecilia e sulle presunte pulsioni della bella Aida, ma in fondo niente più del romanticismo solletica l’immaginazione dello spettatore. E a poche settimane dalla finale del reality di Canale 5 non resta che sperare che vinca il migliore. O forse il più romantico.

Davvero magnifico, grazie a tutti!❤️ – #TeamBoss #GfVip #AmoreMio

Un post condiviso da Filippa Lagerback (@filippalagerback) in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di Maio, Gene Gnocchi lo sfotte per gli strafalcioni. Ecco il Sussidiario di geografia: “Quando Marco Polo andò in Senegal…”

prev
Articolo Successivo

Fiorello su La Vita in Diretta: “Aridaje!!! Ricominciano accoltellamenti e soffocamenti nel pomeriggio di RaiUno!! Mamma cambia canale!!!”

next